Bitcoin non è una moda passeggera, afferma il ministro dei servizi finanziari australiano

Bitcoin non è una moda passeggera, afferma il ministro dei servizi finanziari australiano - senator Jane humeIl ministro dei servizi finanziari australiano, Jane Hume, ha pubblicamente sostenuto le risorse digitali affermando che non sono solo una tendenza temporanea. Inoltre, ha affermato che la finanza decentralizzata (DeFi) presenta “opportunità incredibili” per l’Australia.

“Dobbiamo riconoscere che questa non è una moda passeggera”

Jane Hume, ministro e senatore australiano, ha risposto a Tony Richards (Head of Payment presso la Reserve Bank of Australia), che ha recentemente descritto le criptovalute come “bizzarre”. Inoltre, ha avvertito gli investitori che la classe di attività ha il potenziale per un crollo, e quindi le persone potrebbero perdere una notevole quantità di denaro.

In un’intervista per l’Australian Financial Review, il senatore Hume non è d’accordo con la dichiarazione. Crede che l’industria delle criptovalute sia un’area delicata, che il governo locale dovrebbe affrontare “con cautela, ma non con paura”. L’organo di governo dell’Australia dovrebbe anche astenersi dal considerare bitcoin e le monete alternative come una “moda:”

“Come industria e come governo, dobbiamo riconoscere che questa non è una moda passeggera”.

Il politico ha aggiunto che le criptovalute sono emerse nel corso degli anni e hanno “catturato i cuori e le menti” degli australiani. Un recente sondaggio ha rivelato che circa un australiano su cinque è titolare. Allo stesso tempo, Bitcoin (BTC), Ether (ETH) e Dogecoin (DOGE) sono le risorse digitali più popolari (qui la quotazione in tempo reale).

Il senatore Hume ha toccato la forma di finanza basata su blockchain che non fa affidamento su intermediari monetari centrali: la finanza decentralizzata (DeFi). Ha predetto che “presenterà incredibili opportunità” in futuro e, in quanto tale, “l’Australia non deve essere lasciata indietro di gran lunga l’ignoto”.

Le criptovalute sono come Internet nel 1995

Il ministro australiano ha anche paragonato l’industria delle criptovalute agli sviluppi tecnologici del recente passato, come l’iPhone o Excel, che a un certo punto sono stati considerati irrilevanti. Anche le risorse digitali assomigliano a Internet nei suoi primi giorni e un giorno possono diventare una tecnologia dominante utilizzata da tutti, ha affermato Hume:

“Non essere la persona che nel 1995 ha detto che Internet era solo un posto per sfigati e criminali e non sarebbe mai diventato mainstream. E non essere la persona che ha sostenuto che l’e-mail fosse una moda passeggera”.

Molti esperti vedono la natura volatile dell’asset class come il suo problema principale. Hume ha affermato che le maggiori fluttuazioni dei prezzi si verificano perché l’industria è ancora nelle sue prime fasi di esistenza:

“Se gli ultimi 20 o 30 anni ci hanno insegnato qualcosa, è che tutta l’innovazione inizia come un’interruzione e finisce come un nome familiare”.

Non molto tempo fa, Anthony Scaramucci – fondatore della società di investimento SkyBridge Capital – ha dato una spiegazione simile. Ha confrontato bitcoin e altcoin con aziende come Facebook, Amazon e Google, che inizialmente hanno dovuto affrontare una maggiore volatilità:

“Classificherei bitcoin e queste altre criptovalute in questo momento come prime tecnologie adattive. E torniamo a Facebook, Google, Amazon: sono tutti iniziati con un’ondata di volatilità oscillante prima di stabilizzarsi”.

Comments (No)

Leave a Reply