Home / News Tutte le Criptovalute / Ether, una criptovaluta “vittima” della sua blockchain?

Ether, una criptovaluta “vittima” della sua blockchain?

Ether, una criptovaluta “vittima” della sua blockchain? Un’interessante prospettiva sul destino del progetto Ethereum.

Ether, una criptovaluta “vittima” della sua blockchain? - ether3

Nonostante sia il Bitcoin la criptovaluta più capitalizzata al mondo, in queste settimane è il suo principale rivale, Ether, a catturare i titoli dei giornali, con la sua tecnologia blockchain (Ethereum) che sta motivando le preoccupazioni di molti investitori, oramai in fuga.

Ma andiamo con ordine. Ricordiamo innanzitutto come le valute virtuali abbiano subito enormi difficoltà a livello globale dopo che il gigante del settore bancario statunitense Goldman Sachs si è ritirato dai propri piani di aprire un trading desk per bitcoin: un segnale sgradito al settore, che ha visto la mossa del banchiere come una sorta di abbandono di interesse nei confronti di un comparto verso il quale non ha più grandi motivazioni.

Tra coloro che hanno subito i danni maggiori c’è stata Ether, la criptovaluta di Ethereum, che ha perso il 20% in valore, ottenendo un ulteriore affondo dopo la pubblicazione di qualche discutibile commento da parte di Vitalik Buterin, suo co-fondatore, che all’inizio di questo mese, ha dichiarato a Bloomberg che “lo spazio per la blockchain (Ethereum) sta arrivando al punto massimo di evoluzione”.

La blockchain è – essenzialmente – un libro mastro per la registrazione delle transazioni, aperto a tutti coloro che lo utilizzano, ma estremamente sicuro. Una variabile che ha consentito l’ascesa del trading di criptovaluta, ma non ha certamente risolto i gravi problemi ell’ecosistema come, ad esempio, la sua scalabilità.

Diversamente dalla blockchain di bitcoin, che esegue transazioni che coinvolgono solo la criptovaluta, Ethereum può infatti ospitare diversi token virtuali e abilitare anche alcune applicazioni digitali e i cosiddetti “contratti intelligenti”. Tali programmi possono ad esempio attivare automaticamente i pagamenti senza l’uso di una terza parte quando vengono soddisfatte le condizioni predefinite, come la vittoria di una scommessa sportiva. O possono permettere un miglior monitoraggio di merci in transito, e così via.

Ethereum è anche sede di due terzi delle offerte iniziali di monete (ICO), uno strumento di raccolta fondi per le aziende che emettono i token criptovalutari, proprio come (o quasi) l’emissione di azioni su un mercato azionario. Proprio l’esplosione del numero di ICO nel 2017, due anni dopo il lancio di Ether, ha portato il prezzo della criptovaluta a rimbalzare di oltre 160 volte il suo valore originario in un periodo di soli 12 mesi.

Tuttavia, la mania sorta attorno agli ICO ha anche causato la congestione della rete di Ethereum, contribuendo al crollo dei prezzi della valuta a partire da gennaio. “Più è richiesto, più è probabile che si intasi la rete”, ha affermato Jerome de Tychey, presidente di Asseth, un’associazione che promuove l’uso di Ethereum.

Una blockchain intasata si traduce in un aumento delle tariffe per i clienti che desiderano stabilire priorità nelle transazioni, tanto che le tariffe medie hanno toccato un record di $ 5,50 a luglio, secondo bitinfocharts.com. Generalmente, però, le commissioni dovrebbero oscillare solo pochi centesimi.

Naeem Aslam, analista dei commercianti Think Markets, ha detto che Buterin “non sta facendo il lavoro che dovrebbe fare” – cioè, fare in modo che le aziende “si fidino della tecnologia e forniscano loro ciò di cui hanno bisogno”.

Per quanto concerne il trend assunto dai valori della criptovaluta, il calo nel valore di Ether è stato davvero drammatico. Dall’inizio di agosto, ha perso più della metà del suo valore e, risalendo a maggio, il calo è stato del 75%, con il valore totale della valuta virtuale che è precipitato ora a circa $ 23 miliardi da $ 82,5 miliardi originari.

Eppure, l’enorme calo, non ha certo azzerato il prezzo di Ether, ma l’ha solo riportato al valore di poco più di un anno fa, a circa $ 220 per un token. Un altro fattore che ha pesato sul prezzo dell’etere è stato il successo delle ICO. Le società che hanno raccolto fondi in etere con ICO ora devono venderle per coprire le spese operative in valute legali. Secondo gli analisti del settore, Diar, le società che hanno raccolto fondi prima del boom dei prezzi alla fine dello scorso anno hanno venduto circa il 20% delle loro partecipazioni di Ether da aprile, monetizzando il suo prezzo.

Rate this post
Compra bitcoin con mastercard

About Roberto Rais

Grande appassionato di criptovalute, scrittore ormai da tempo per cripto-valuta.net

Guarda anche

Adesso l'XRP di Ripple può essere utilizzato in oltre 3,3 milioni di negozi online - ripple xrp online store 310x165

Adesso l’XRP di Ripple può essere utilizzato in oltre 3,3 milioni di negozi online

Gli utenti adesso possono scaricare il plugin su GitHub e seguire le istruzioni fornite per …

Newsletter : tieniti aggiornato!

Ricevi in anteprima gli ultimi aggiornamenti

Noi rispettiamo la tua privacy
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook