Eventi chiave per il Bitcoin in vista della settimana e sviluppi on-chain da tenere d’occhio

Eventi chiave per il Bitcoin in vista della settimana e sviluppi on-chain da tenere d'occhio - bitcoin 191832Lo scorso fine settimana, il prezzo del Bitcoin (quotazione BTC) è crollato sotto i 18.000 dollari a causa di importanti liquidazioni. La crisi di liquidità dei mercati delle criptovalute non sembra destinata a finire presto. Dopo Celsius Networks, il protocollo decentralizzato Solend, basato su Solana, è protagonista di un’altra crisi di liquidità.

Sebbene il Bitcoin si sia parzialmente ripreso dai minimi di sabato, la fiducia degli investitori sembra per ora in calo. Al momento della stampa, il Bitcoin (BTC) è scambiato in rialzo del 7,9% al prezzo di 19.963 dollari, con un market cap di 380 miliardi di dollari.

Ci sono stati alcuni sviluppi chiave sulla catena, con il Bitcoin che è entrato in capitolazione, i minatori che hanno liquidato e i detentori a lungo termine che hanno registrato perdite. Inoltre, gli sviluppi macro globali continueranno a pesare sulla dinamica del BTC.

I principali sviluppi sulla catena del Bitcoin da tenere d’occhio

  • Il fornitore di dati sulla catena, Glassnode, ha riferito che negli ultimi tre giorni si è verificata la più grande perdita di Bitcoin denominata in USD della storia. “Oltre 7,325 miliardi di dollari di perdite in Bitcoin sono stati bloccati dagli investitori che hanno speso monete accumulate a prezzi più alti”, si legge. 
  • La scorsa settimana, i detentori a lungo termine hanno venduto 20K-36K Bitcoin al giorno. In genere si tratta di possessori che hanno accumulato monete nel primo semestre del 2021 o prima.
  • Al di sotto dei 23.000 dollari, i detentori di Bitcoin a lungo termine hanno venduto 178.000 Bitcoin, pari all’1,31% del loro patrimonio totale. In questo modo, le disponibilità totali di BTH sono scese al livello di settembre 2021. Glassnode spiega che: “Alcuni LTH di Bitcoin hanno persino acquistato il top di 69k dollari e venduto il bottom di 18k dollari, bloccando le perdite del -75%”.
  • Dopo una forte accumulazione negli ultimi due anni, le partecipazioni dei minatori di Bitcoin sono ora in calo. La scorsa settimana, i minatori di Bitcoin hanno liquidato 9.000 Bitcoin dalle loro tesorerie e attualmente detengono circa 50.000 BTC. Con ogni calo, il Bitcoin si sta lentamente avvicinando ai costi di produzione dei blocchi per i minatori.

Ecco cosa dicono gli esperti di criptovalute

Alcuni esperti di mercato chiedono agli investitori di mantenere un cauto ottimismo. La rottura del Bitcoin sotto i 20.000 dollari e il suo massimo del 2017 non è un buon segno; naturalmente, il recente calo dei prezzi potrebbe essere dovuto a venditori forzati. Arthur Hayes, ex-CEO della piattaforma di trading di derivati BitMEX, scrive:

Durante il fine settimana, mentre i binari fiat sono chiusi, $BTC è sceso a un minimo di 17.600 dollari, con un calo di quasi il 20% rispetto a venerdì, su un buon volume. Sembra che un venditore forzato abbia innescato una corsa agli stop.

Ha inoltre aggiunto che la ripresa potrebbe arrivare presto a causa delle vendite forzate. Tuttavia, ritiene che la pressione da parte dei venditori potrebbe arrivare in futuro. D’altra parte, il mercato delle criptovalute vede alcuni dei principali operatori alle prese con importanti problemi di liquidità. Il famoso investitore Mike Alfred osserva che:

Il Bitcoin non ha finito di liquidare i grandi operatori. Lo porteranno a un livello che causerà il massimo danno agli operatori più sovraesposti, come Celsius, e poi improvvisamente rimbalzerà e salirà una volta che queste aziende saranno completamente cancellate. Una storia vecchia come il mondo.

L’assetto macro globale

I principali indici statunitensi hanno subito una correzione tra il 20 e il 30% dai loro massimi in seguito alla massiccia correzione dei prezzi da maggio. Tuttavia, il peggio sembra tutt’altro che passato. L’analista della Welt, Holger Zschäpitz, ci spiega:

Non ci si può nascondere: Azioni e obbligazioni insieme sono sulla buona strada per il loro peggior trimestre di sempre. Nel frattempo, anche i mercati del credito hanno subito un duro colpo. Il Bitcoin ha perso oltre due terzi del suo valore da quando ha toccato un massimo di quasi 70.000 dollari a novembre (via BBG).

Comments (No)

Leave a Reply