Home / Tutti gli Exchange, News, trading / Gli exchange di criptovalute sono troppo sensibili al rischio di manipolazione

Gli exchange di criptovalute sono troppo sensibili al rischio di manipolazione

Gli exchange di criptovalute sono troppo sensibili al rischio di manipolazione: nuove critiche alla sostenibilità degli “scambi”.

Gli exchange di criptovalute sono troppo sensibili al rischio di manipolazione - crypt3 1024x705

Un discreto numero di exchange di criptovalute sarebbero carenti di protezioni base per i consumatori e sono vulnerabili allo sfruttamento da parte dei manipolatori del mercato, ha dichiarato qualche giorno fa l’Ufficio del procuratore generale di New York.

Il report, frutto di un’indagine durata diversi mesi, ha rilevato che molti exchange mancano di adeguate salvaguardie, mettendo così a rischio i soldi dei consumatori. Inoltre, l’Ufficio del procuratore generale ha fatto riferimento a tre exchange con il Dipartimento dei servizi finanziari di New York per il possibile funzionamento illegale nel territorio di propria competenza.

Molte piattaforme di valute virtuali mancano delle politiche e delle procedure necessarie per garantire l’equità, l’integrità e la sicurezza dei loro scambi”, ha dichiarato in una nota il procuratore generale dello Stato Barbara Underwood. L’ex procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, ha avviato il programma di indagine sull’integrità dei mercati virtuali ad aprile e ha richiesto informazioni a numerose borse specializzate in bitcoin e altre criptovalute. Dieci exchange avrebbero soddisfatto le richieste di informazioni, mentre quattro avrebbero fallito in questo intento, sostenendo che non operavano nello Stato. L’ufficio del procuratore generale, tuttavia, ha concluso che tre di questi exchange, Kraken, Binance e Gate.io, consentono in realtà il trading da parte dei clienti di New York.

“La relazione del procuratore generale sottolinea il valore della regolamentazione statale forte e delle protezioni dei consumatori”, ha affermato Maria Vullo, sovrintendente del Dipartimento dei servizi finanziari dello stato. “Non vediamo l’ora di rivedere le informazioni e i riferimenti elaborati”.

Ricordiamo come Bitcoin sia stato lanciato nel 2009 come forma di denaro elettronico, da potersi scambiare senza controllo governativo o bancario. Negli anni successivi, il mercato globale delle criptovalute è cresciuto in maniera dinamica, e centinaia di altre criptovalute hanno preso il via sulla scia del progenitore.

La questione dell’integrità del mercato è diventata una delle questioni chiave che riguardano lo sviluppo delle criptovalute. La Commissione sul trading di futures sulle materie prime negli Stati Uniti sta studiando la potenziale manipolazione del mercato, così come il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti. La Securities and Exchange Commission ha costantemente respinto le richieste di fondi negoziati in borsa con bitcoin, concludendo che non vi è sufficiente trasparenza per essere sicuri che i prezzi non vengano manipolati.

Insomma, il tema su cui si è occupata la relazione del procuratore generale non è certamente sconosciuto, ma è interessante notare come il dossier finale tragga tre conclusioni principali che convalidano tali preoccupazioni. Il rapporto ha concluso infatti che molte piattaforme di criptovaluta non hanno adottato misure serie per monitorare e bloccare il commercio manipolativo, e pochi controllano o limitano l’uso di bot di trading.

“La maggior parte delle piattaforme sembra rivolgersi a operatori professionali e automatizzati, con molte sedi che offrono prezzi speciali e altre funzionalità a tali operatori, lasciando i clienti al dettaglio in svantaggio”, afferma il rapporto.

Il rapporto afferma inoltre che vi sono conflitti di interesse “pervasivi” tra gli scambi. “Le piattaforme di virtual asset trading spesso coinvolgono diverse linee di business che verrebbero ristrette o attentamente monitorate in un ambiente di trading tradizionale”, afferma il rapporto.

Alcune piattaforme, ha detto, operano come exchange, broker-dealer, trasmettitori di denaro, trader proprietari che acquistano e vendono per i propri conti, proprietari di grandi partecipazioni di criptovalute e persino in alcuni casi come emittenti di criptovalute. Alcuni exchange consentono inoltre ai propri dipendenti di detenere e negoziare su piattaforme proprie o concorrenti.

Infine, le protezioni per i fondi dei consumatori, secondo il rapporto, “sono spesso limitate o illusorie“. Non esistono metodi standard per il controllo delle risorse virtuali e le piattaforme mancano di approcci coerenti e trasparenti per farlo, afferma il rapporto. “Ciò rende difficile o impossibile confermare se le piattaforme gestiscono in modo responsabile le attività dei loro clienti. I clienti sono molto esposti in caso di ritorsione o ritiro non autorizzato”, afferma il rapporto.

Il report fornisce infine agli investitori un elenco di otto domande che dovrebbero aspettarsi che gli exchange siano in grado di riscontrare, comprese domande sui controlli per impedire agli operatori abusivi di uscire dalla piattaforma, dettagli sulle misure di sicurezza contro gli hacker, dettagli sull’assicurazione contro il furto, politiche per impedire ai dipendenti di negoziazione di informazioni privilegiate e dettagli sulla trasparenza e audit indipendenti. “I clienti farebbero bene ad evitare piattaforme che non possono rispondere in modo soddisfacente alle domande poste in questo rapporto”, ha detto il procuratore.

Rate this post
Compra bitcoin con mastercard

About Roberto Rais

Grande appassionato di criptovalute, scrittore ormai da tempo per cripto-valuta.net

Guarda anche

Giappone, giovane arrestato per furto di 134 mila dollari di criptovalute - hacker5 310x165

Giappone, giovane arrestato per furto di 134 mila dollari di criptovalute

Giappone, giovane arrestato per furto di 134 mila dollari di criptovalute. Nuovo caso criminale nel …

Newsletter : tieniti aggiornato!

Ricevi in anteprima gli ultimi aggiornamenti

Noi rispettiamo la tua privacy
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook