Gli sviluppatori di videogiochi stanno abbandonando il modello P2E! 

Gli sviluppatori di videogiochi stanno abbandonando il modello P2E!  - Videogiochi e lavoroPlay to Earn (P2E) è una delle caratteristiche più importanti dei giochi blockchain di oggi. Sebbene non siano ancora noti al pubblico, hanno già ricevuto l’attenzione di diversi attori, tra cui gli studi di pubblicazione di videogiochi.

In effetti, molti studi di sviluppo di videogiochi hanno espresso interesse e volontà di entrare nel settore delle criptovalute creando giochi basati sulla blockchain.

Tuttavia, mentre un tempo si facevano affermazioni di questo tipo, la realtà è che la maggior parte dei principali studi di videogiochi sta riducendo questa strategia. Questo rappresenta una vera e propria manna per l’industria ancora nascente degli sviluppatori di giochi P2E blockchain nativi della comunità delle criptovalute.

Implementazione dei meccanismi Play to Earn nei videogiochi: Più svantaggi che vantaggi

Un rapporto pubblicato da Bloomberg indica che molti editori di videogiochi non vedono di buon occhio l’elemento speculativo e lucrativo dei NFT e delle criptovalute nei giochi. Ci sono diversi motivi per cui la maggior parte dei grandi studi di sviluppo sta scegliendo di stare alla larga da Play to Earn e dalle criptovalute.

In primo luogo, l’implementazione di una funzione NFT all’interno di un gioco può portare a disuguaglianze tra i giocatori. Una disuguaglianza che, a lungo andare, causerà una divisione nella comunità dei giocatori, in quanto separa coloro che possono permettersi NFT ad alto prezzo da coloro che non possono farlo.

Questa argomentazione è stata avanzata dallo sviluppatore di Minecraft Mojang Studio, ma è condivisa anche da molti altri sviluppatori di giochi mainstream. Per Mark Venturelli, sviluppatore del gioco di successo Relic Hunters, l’uso di NFT in un gioco può essere dannoso per il divertimento dei giocatori. Secondo l’autore, gli NFT possono potenzialmente trasformare quella che doveva essere una semplice fonte di intrattenimento in un rozzo strumento per fare soldi.

Inoltre, per molti operatori del settore dei giochi, non esistono ancora casi d’uso significativi per le criptovalute o le NFT che possano aggiungere un valore reale ai giochi.

Diverse ricerche condotte negli ultimi mesi hanno stabilito che l’industria dei videogiochi nel suo complesso non apprezza particolarmente il sistema Play to Earn o il meccanismo GameFi in questo momento.

Secondo un sondaggio condotto in agosto dalla società di consulenza software Perforce, quasi il 49% dei 300 sviluppatori intervistati ritiene che le NFT abbiano un impatto minimo o nullo sui giochi.

Perdita di interesse da parte dei grandi editori per il concetto di giochi Play to Earn basati su blockchain

In seguito ai risultati di queste diverse analisi, non sorprende che oggi i maggiori studios abbiano deciso di mettere in pausa i loro precedenti progetti legati alle criptovalute.

L’esempio di Take-Two Interactive è una perfetta rappresentazione dell’ambivalenza che attualmente prevale nell’industria dei videogiochi. Infatti, lo studio responsabile del famoso gioco open-world GTA ha acquisito lo sviluppatore di giochi per cellulari Zynga per 11 miliardi di dollari lo scorso gennaio. Nell’annunciare l’acquisizione dello studio, l’editore ha anche affermato che le ambizioni di Zynga in materia di blockchain hanno avuto un ruolo nella sua decisione.

Tuttavia, se è vero che Zynga ha annunciato a febbraio l’intenzione di lanciare il suo primo gioco legato alla blockchain nel corso dell’anno, da allora non ci sono state notizie né da Zynga né da Take-Two Interactive.

Allo stesso modo, Square Enix ha annunciato il lancio di una collezione NFT a tema Final Fantasy nel luglio 2022. Questo annuncio è arrivato pochi mesi dopo che Square Enix ha rilasciato dichiarazioni sui suoi sforzi aggressivi nella ricerca, nello sviluppo e negli investimenti nei giochi blockchain.

In che modo la riluttanza dei grandi studi di videogiochi è positiva per l’industria delle criptovalute?

Per molti esperti, l’attuale situazione tra l’industria dei videogiochi e quella delle criptovalute non può che essere positiva per il mondo delle criptovalute. In effetti, il ritiro della maggior parte dei principali sviluppatori potrebbe consentire agli studi nativi di criptovalute di sviluppare i propri titoli in modo più organico.

Saranno in grado di produrre contenuti molto più in linea con lo spirito della criptovaluta, poiché non subiranno pressioni esterne da parte delle multinazionali. Solo in questo periodo progetti innovativi avranno la possibilità di svilupparsi in pace. 

Comments (No)

Leave a Reply