Greyscale prova a spostare il monopolio nel mining di criptovalute dalla Cina al Nord America

Greyscale prova a spostare il monopolio nel mining di criptovalute dalla Cina al Nord America - Optimized Untitled design 1 1 1024x640La Cina è la patria della più grande industria di mining di criptovalute al mondo, nonostante molti altri paesi stiano implementando strategie per attirare più aziende minerarie. Gli Stati Uniti e il Canada hanno cercato di sfidare il dominio globale della Cina nel mining di criptovalute per cinque anni consecutivi.

I dati dei ricercatori dell’Università di Cambridge mostrano che mentre il predominio della Cina sul tasso di hash della rete Bitcoin è superiore al 65%, gli Stati Uniti in seconda posizione contribuiscono solo al 7,24%.

L’enorme e notevole disparità nel mining di Bitcoin ha generato grossi investimenti in Nord America e in altri pochi paesi per aumentare le operazioni di mining. Uno dei principali motivi per cui la cina è così gettonata in questo settore è la riduzione dei costi dell’elettricità e la disponibilità di attrezzature minerarie più convenienti poiché è anche sede dei più grandi produttori di piattaforme minerarie cripto.

DCG e Foundry per potenziare il mining di criptovalute in Nord America

Greyscale, la più grande società di gestione di asset cripto e società di investimento, è in prima linea per compensare il dominio della Cina nel mining di criptovalute. La società madre di Grayscale, DCG, ha investito 100 milioni di dollari nella sua sussidiaria Foundry, una società di investimenti in criptovaluta e staking, per espandere l’infrastruttura di mining di Bitcoin in Nord America

L’amministratore delegato di Foundry Mike Colyer ha dichiarato che la società sta cercando di costruire le proprie attività minerarie e supportare altre società con interessi simili negli Stati Uniti e in Canada.

L’intenzione di Foundry è quella di centralizzare parzialmente la rete Bitcoin e si ipotizza che abbia il supporto del congresso degli Stati Uniti. Ad aprile, il congresso degli Stati Uniti aveva presentato un disegno di legge per supportare lo sviluppo di blockchain e criptovalute, incluso il mining, per aiutare gli Stati Uniti a rimanere competitivi, specialmente contro la Cina. Secondo il CEO di DCG Barry Silbert, Foundry riunirà minatori e produttori per creare un sistema finanziario migliore.

Il mining di criptovalute minacciato dalla Cina

Finora la Cina ha praticato una tolleranza quasi zero sulle criptovalute, dal divieto degli ICO nel 2017 alla chiusura degli exchange non regolamentati. Tuttavia, i cittadini cinesi possono acquistare, vendere o detenere varie criptovalute.

La Banca popolare cinese è anche la più propensa a livello globale per progettare ed emettere la prima Central Bank Digital Currency, che la Cina intende utilizzare per sostituire il valore del dollaro nel mercato globale.

Ciò rende imprevedibile il destino dei miner in Cina, soprattutto dopo recenti modifiche alle normative nella Mongolia Interna che renderanno la regione la più costosa per avviare un’attività mineraria in Cina.

E ora i minatori del Sichuan sono preoccupati che la stessa normativa sia replicata anche in quella regione. L’ex CEO di Ripple Chris Larsen ha avvertito che l’elevata dipendenza di Bitcoin dai minatori cinesi è pericolosa per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e che gli Stati Uniti dovrebbero adottare misure per contrastare il ruolo guida della Cina nelle guerre tecnologiche in corso.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish