Il prezzo del bitcoin torna a scendere dopo che Trump ha detto che “sembra una truffa”

Il prezzo del bitcoin torna a scendere dopo che Trump ha detto che "sembra una truffa" - 165652585 871dcec4 cac1 4516 b07b b3ec2f8d91eaL’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump afferma di non amare il bitcoin perché è un concorrente del dollaro, che vuole essere la valuta mondiale e ha esortato i regolatori statunitensi ad agire per monitorarlo.

Trump pensa che Bitcoin sia una truffa

A Trump è stato chiesto della sua opinione sulla criptovaluta e sul mercato azionario statunitense durante un’intervista con Stuart Varney su Fox Business Network, che anche l’ex presidente ha dichiarato di voler evitare. Trump ha detto:

“Bitcoin, sembra solo una truffa. Non mi piace perché è un’altra valuta in competizione con il dollaro”.

Trump ha ribadito: “La mia opinione è che la valuta di questo mondo dovrebbe essere il dollaro, e non penso che dovremmo avere tutti i bitcoin del mondo là fuori”, elaborando: “Penso che dovrebbero regolarli molto, molto seriamente.”

L’ex presidente ha anche parlato di Libra, una criptovaluta di proprietà del gigante dei social media Facebook. Diem è il nuovo nome di Libra. Secondo il tweet di Trump, “la “valuta virtuale” di Facebook Libra avrà poca reputazione o affidabilità. Se Facebook e le altre aziende vogliono diventare una banca, devono cercare una nuova carta bancaria ed essere soggette a tutte le normative bancarie, proprio come le altre banche, sia nazionali che internazionali».

Trump ha concluso la sua serie di tweet con: “Abbiamo solo una valuta reale negli Stati Uniti, ed è più forte che mai, affidabile e sicura. È di gran lunga la valuta più dominante in tutto il mondo e rimarrà sempre tale. Si chiama dollaro degli Stati Uniti”.

I commenti di Trump sembravano guidare un calo del valore di Bitcoin (quotazione in tempo reale) poiché il suo prezzo è sceso di oltre l’1,3% (da 36.472 a 35.973 dollari) nell’ora successiva all’intervista.

Non è la prima volta

Questa non è la prima volta che Trump esprime un’opinione negativa su Bitcoin. Il prezzo della criptovaluta è diminuito di circa 10.000 dollari nel 2019 dopo che l’allora presidente ha dichiarato di non essere un “fan di Bitcoin e altre criptovalute”. L’ex consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump, John Bolton, ha anche detto lo scorso lunedì che l’ex presidente “in diverse occasioni” ha parlato con il segretario al Tesoro Steve Mnuchin della messa al bando della criptovaluta.

Nei post sul suo account Twitter, che ora è stato cancellato, Trump ha attaccato il Bitcoin e le altre criptovalute come “altamente volatili” nel luglio del 2019, aggiungendo che “non era un loro fan”.

“Le criptovalute non regolamentate possono facilitare comportamenti illeciti, incluso il commercio di droga e altre attività illegali”, ha aggiunto all’epoca.

Le osservazioni dell’ex presidente sono arrivate dopo una conferenza sponsorizzata dai sostenitori di Bitcoin a Miami, in Florida, durante il fine settimana, con video dell’evento diventati virali dopo che un fan della valuta Dogecoin, in competizione con la prima criptovaluta al mondo, ha attaccato il palco ed è stato portato via dalla sicurezza.

Comments (No)

Leave a Reply