Inflazione statunitense ai massimi dal 2008 e il Bitcoin diventa più attraente

Inflazione statunitense ai massimi dal 2008 e il Bitcoin diventa più attraente - thumb2 usa from space usa city lights usa at night from space north america usaI tradizionali miliardari potrebbero prendere d’assalto il mercato dei Bitcoin in qualunque momento da oggi in poi. Come è stato osservato di recente, l’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il massimo da 13 anni a questa parte. 

Apparentemente, l’aumento del prezzo delle auto ha influenzato questo risultato. Negli ultimi 12 mesi fino al mese scorso, i prezzi delle auto di consumo sono aumentati del 5,4%; un aumento del 5% da maggio, il più grande aumento registrato nell’agosto del 2008.

Dove entra in gioco il Bitcoin

Con l’aumento dell’inflazione, è logico che le masse guardino a una fonte esterna per la copertura, e il Bitcoin potrebbe aumentare se individuato come il più degno. A seguito del recente sviluppo, i Bitcoiners hanno esortato il pubblico ad entrare nel mercato e acquistare a basso costo per aggirare la saturazione del mercato.

L’anno scorso, una manciata di miliardari ha preso d’assalto il mercato dei Bitcoin a seguito della corsa all’inflazione nel mercato statunitense. A partire dal 2020, quando la pandemia da COVID-19 ha colpito l’economia globale, c’è stata una mania visibile, come notato da più società finanziarie, che diverse classi finanziarie stessero cercando una copertura contro l’inflazione.

In passato, l’oro era il punto di riferimento, poiché il metallo prezioso ha mantenuto la posizione di risorsa principale per maggior tempo. Tuttavia, con l’arrivo delle valute digitali, in particolare del Bitcoin, il mercato ha visto uno spostamento della domanda per la riserva di valore.

Sembra che il Bitcoin potrebbe essere ancora più utile per i residenti negli Stati Uniti, in particolare per i residenti in Africa, la cui economia è già stata duramente colpita dalla pandemia.

In Eiopia si sponsorizza il mining di BTC

Come notato da Forbes, l’inflazione etiope è aumentata drasticamente e gli investimenti in Bitcoin, insieme a redditizi investimenti legati alle criptovalute, potrebbero aiutare a rilanciare l’economia.

“Etiopia: l’inflazione è del 24,5%, la banca nazionale possiede 3 miliardi di dollari che si sta rapidamente deprezzando, il deficit commerciale di 12 miliardi di dollari porta alla svalutazione della valuta locale, la compagnia aerea nazionale che guadagna in valuta estera ha un futuro incerto a causa del Covid. Entra nel mining di bitcoin”.

Nel frattempo, il Guardian afferma che la Federal Reserve è obbligata a rivedere e rafforzare le sue attuali politiche monetarie, provocando la domanda di aumento dei salari.

L’inflazione potrebbe rilanciare la valuta digitale

Andrew Hunter, un anziano economista statunitense, convinto che la paura inflazionistica sia tutt’altro che finita, ha detto agli investitori che i prezzi al consumo aumenteranno con l’aumentare della pressione fiscale, a causa della carenza di approvvigionamento causata dalla pandemia. Estratti dalla sua nota agli investitori affermano che: “…la preoccupazione maggiore è che le pressioni inflazionistiche ora si stiano chiaramente accumulando anche in settori più sensibili al ciclo, che potrebbero rivelarsi più duraturi”.

E voi cosa ne pensate di tutto questo? Altri miliardari tradizionali si uniranno all’approvvigionamento del bitcoin? E chi sarà il prossimo? Fatecelo sapere nella sezione qui sotto.

Comments (No)

Leave a Reply