La ripresa delle criptovalute nel secondo semestre del 2022 è “indiscutibile”, afferma il CEO di PolySign McDonald

La ripresa delle criptovalute nel secondo semestre del 2022 è "indiscutibile", afferma il CEO di PolySign McDonald - 104880719 20171205 7838 2526L’investitore miliardario in criptovalute e CEO di Galaxy Digital Michael Novogratz ha avvertito che le cose potrebbero peggiorare per i mercati delle criptovalute, prima di migliorare.

Questa settimana la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute è scesa sotto i 2.000 miliardi di dollari per la prima volta dal luglio 2021, con un calo di oltre il 50% rispetto ai massimi storici di 3.000 miliardi di dollari dello scorso novembre.

Ciò ha coinciso con un calo verso i 30.000 dollari per token di bitcoin (quotazione BTC) (il minimo dallo scorso luglio) e con un calo verso i minimi annuali sotto i 2.500 dollari di ethereum (ETH). Entrambi attualmente scambiano leggermente al di sotto dei rispettivi massimi storici sopra i 69.000 dollari e vicino ai 4.900 dollari registrati lo scorso novembre.

Novogratz di Galaxy Digital avverte che ci attendono trimestri difficili

Novogratz ha affermato che una delle sfide principali che i mercati delle criptovalute devono affrontare è la loro crescente correlazione con i titoli tecnologici statunitensi, che negli ultimi tempi hanno subito un duro colpo a causa dell’aumento dei tassi di interesse.

Negli ultimi mesi i rendimenti dei titoli di Stato statunitensi sono aumentati notevolmente (il rendimento decennale è salito di oltre l’1,40% dall’inizio dell’anno) a causa di una svolta “da falco” della Federal Reserve statunitense in risposta al persistere di un’inflazione elevata quest’anno.

Se fino alla fine del 2021 la banca si aspettava solo pochi rialzi dei tassi d’interesse quest’anno, ora si prevede che i tassi raggiungano circa il 2,5% entro la fine dell’anno e si spingano fino al 3,5% nel 2023.

Tassi di interesse più elevati significano un maggiore “costo opportunità” di detenere attività che non rendono (come criptovalute, materie prime e azioni di società non redditizie) o che rendono poco (come le azioni di società redditizie, ma con un rapporto prezzo/utili molto elevato).

Durante la telefonata sugli utili Q1 2022 di Galaxy Digital di lunedì scorso, Novogratz ha spiegato che “le criptovalute probabilmente scambiano in modo correlato al Nasdaq finché non raggiungiamo un nuovo equilibrio”.

Ha avvertito che gli investitori dovrebbero prepararsi a “un mercato molto incerto, volatile e difficile per almeno i prossimi trimestri, prima che le persone percepiscano che abbiamo raggiunto un equilibrio”.

McDonald di PolySign afferma che il rimbalzo del H2 è “indiscutibile”

In un’intervista alla CNBC, Jack McDonald, amministratore delegato di PolySign, ha dichiarato che “mi sembra che stiamo cercando di toccare il fondo”. Molti investitori speculativi sono stati cacciati, mentre gli investitori istituzionali e gli HODLers sono rimasti fermi, ha spiegato McDonald.

McDonald ha aggiunto che, mentre una combinazione di fattori macro ribassisti come l’aumento dei tassi d’interesse, le preoccupazioni per il persistere di un’inflazione elevata e i timori per la crescita economica globale stanno pesando sulle criptovalute nel breve termine, a più lungo termine si aspetta ancora che la domanda di protezione dall’inflazione e le tendenze positive di crescita all’interno dello spazio delle criptovalute sostengano i prezzi degli asset digitali.

Secondo McDonald, le grandi istituzioni globali credono sempre più nella tecnologia blockchain sottostante, il che significa che i token e gli asset di qualità superiore continueranno a prevalere nel lungo periodo.

Infine, quando gli è stato chiesto se si aspetta un rimbalzo nella seconda metà del 2022, McDonald ha risposto che è “indiscutibile”, affermando che il denaro reale che sta entrando nello spazio delle criptovalute vede la recente flessione come un’opportunità per il lungo termine. “Rimango molto, molto ottimista”, ha concluso.

Comments (No)

Leave a Reply