L’aumento di ATM Bitcoin potrebbe favorire il riciclaggio di denaro

L’aumento di ATM Bitcoin potrebbe favorire il riciclaggio di denaro - unnamedNel rapporto pubblicato all’inizio di questo mese, la società di analisi CipherTrace ha scoperto che i bancomat bitcoin venivano spesso utilizzati per inviare fondi ad “exchange ad alto rischio” – piattaforme di trading che la società considera note per facilitare attività criminali e riciclaggio di denaro.

“La percentuale di fondi inviati agli exchange ad alto rischio dai BATM statunitensi [bancomat bitcoin] ha visto una crescita esponenziale, raddoppiando ogni anno dal 2017.” si legge nel rapporto. Mentre nel 2017 circa il 2% delle transazioni statunitensi è andato a exchange ad alto rischio, quel numero è ora vicino all’8%.

“I bancomat bitcoin sono probabilmente il prossimo principale obiettivo normativo”

Un bancomat bitcoin consente alle persone di acquistare e vendere bitcoin e altre criptovalute direttamente con un exchange, utilizzando carte bancarie o persino denaro contante. Fondamentalmente, gli utenti non devono disporre di un portafoglio digitale, le macchine stesse li creano, fornendo agli utenti stampe degli indirizzi del portafoglio e delle chiavi private.

CipherTrace ha anche sottolineato che la stragrande maggioranza delle transazioni bancomat bitcoin statunitensi nel 2019, circa l’88%, ha inviato fondi a destinazioni offshore. “I bancomat bitcoin sono probabilmente il prossimo principale obiettivo normativo”, prevede il rapporto.

Ciò coincide con un’esplosione del numero di nuovi bancomat bitcoin in arrivo sul mercato. A livello globale, ci sono circa il 60% di macchine in più rispetto a quelle dell’anno scorso, secondo Coin ATM Radar. Un altro fatto interessante è che il tasso di installazioni è raddoppiato dall’inizio del 2020.

C’è ancora molto da fare

Gli operatori di Bitcoin ATM insistono sul fatto che stanno facendo tutto il possibile per seguire le normative. I servizi bancomat negli Stati Uniti devono registrarsi con la Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) come attività di servizi monetari e dovrebbero tenere un registro delle loro transazioni, seguire i protocolli know-your-customer (KYC) e segnalare qualsiasi attività sospetta alle autorità.

Ma ci sono alcuni che evadono le suddette regole. Nell’agosto 2019, un trader di bitcoin di 25 anni a Los Angeles si è dichiarato colpevole di non aver registrato la sua attività di ATM bitcoin con FinCEN e di aver riciclato fino a 25 milioni $ di fondi per criminali, inclusi gli spacciatori.

Inoltre, l’anno scorso, la polizia spagnola ha riferito che una banda criminale locale coinvolta nel commercio internazionale di stupefacenti aveva effettivamente aggirato i controlli AML europei riciclando denaro contante attraverso due sportelli automatici bitcoin e usando la crittografia “pulita” per pagare i fornitori in Colombia.

Tom Robinson, co-fondatore e scienziato capo della società di analisi Elliptic, ha affermato che la nuova guida FATF soprannominata “Travel Rule” approvata lo scorso anno indica che i requisiti AML/KYC più severi vengono ora implementati in tutte le cripto-imprese del mondo.

Nonostante ciò, Robinson mostra ancora preoccupazioni su quanto questa norma sia applicabile ai bancomat bitcoin. “La situazione sta sicuramente migliorando, ma ci vorrà del tempo per garantire che queste misure siano applicate a livello globale”, ha affermato.

Comments (No)

Leave a Reply

DutchEnglishFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish