Le banche tradizionali sono sempre più vicine al settore cripto, e viceversa

Le banche tradizionali sono sempre più vicine al settore cripto, e viceversa - DBS exchange crypto 1024x682Pochi giorni dopo l’annuncio di PayPal di aprire alle criptovalute a partire dal 2021, la più grande banca del sud-est asiatico, DBS, ha dichiarato di voler lanciare un exchange crypto. DBS ha smentito la notizia poco dopo, ma il tempo è bastato per creare una reazione entusiasta della comunità crypto locale.

Come cambierà il settore crypto?

A differenza di PayPal (azioni PayPal con ticker: PYPL), che offre principalmente pagamenti e piccoli prestiti al consumo, DBS è una banca che prende depositi assicurati dai clienti ed eroga grandi prestiti sia a privati ​​che a clienti istituzionali.

Sebbene entrambe siano sistemicamente importanti in modi diversi, dopo la debacle del 2009 di Lehman Brothers, le attività di raccolta di depositi e di prestito istituzionale richiedono una serie di regole molto più rigorose. In pratica, non si tratta più solo di conformità antiriciclaggio o di interpretazioni favorevoli ai token delle leggi sui titoli. Si tratta di una vasta gamma di requisiti e controlli di gestione del rischio che le aziende cripto, attualmente, non devono affrontare.

Le autorità di regolamentazione vanno al passo delle banche

Dove vanno le banche, le autorità di regolamentazione seguono e portano con sé l’intera montagna di requisiti di conformità e gestione del rischio. Quindi, quando le banche iniziano a offrire servizi di crittografia, non solo alle banche verrà chiesto di applicare tutte le normative bancarie ai servizi cripto, ma anche alle imprese cripto verrà sempre più richiesto di applicare regolamenti bancari. Ora c’è solo un modo in cui può finire questa storia.

Nei prossimi cinque anni, la maggior parte delle società cripto diventerà banche e le banche diventeranno società cripto. Non ci sarà un’industria fiat e un’industria crittografica. Ci sarà solo un sistema bancario, di pagamento e di mercato dei capitali che servirà sia fiat che criptovalute.

Cosa significa per crypto

Quattro cose: in primo luogo, per i consumatori significa meno rischi e migliori standard di protezione dei beni e protezione dei consumatori. In secondo luogo, significa una redditività molto più bassa nelle criptovalute e l’avere una minore offerta di risorse, ma di qualità superiore.

In terzo luogo, i rendimenti e i cicli di venture capital nelle criptovalute saranno allineati con il lungo ciclo di venture di otto anni nel resto della fintech. Quarto e ultimo, se tutti sono una banca e ci sono molti meno asset da scambiare a costi molto più alti, tutti tranne i dirigenti delle banche guadagneranno molto meno e coloro che oggi perdono perderanno molto meno.

Criptovalute: è finita la festa?

No, ma sta per diventare molto più grande e meno divertente. In questa visione del futuro, le banche hanno vinto. I supporter delle criptovalute potrebbero pensare di aver conquistato Wall Street, e forse per un po’ sarà stato davvero così, ma poi si avvererà il contrario.

Le banche occuperanno sempre più Crypto Street. Aziende di criptovalute come Coinbase, Kraken e Binance, che sembrano intraprendere passi attivi per anticipare questa convergenza e ottenere pagamenti e licenze bancarie, vinceranno alla grande e quelle che non lo faranno troveranno piuttosto difficile sopravvivere come aziende indipendenti oltre il 2025.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianNorwegianPolishPortugueseRussianSpanishSwedish