Home / News Tutte le Criptovalute / Litecoin, brutto inizio di settimana: ecco che cosa è successo

Litecoin, brutto inizio di settimana: ecco che cosa è successo

Litecoin, brutto inizio di settimana: ecco che cosa è successo. I perché di una prestazione da dimenticare per la quinta criptovaluta al mondo.

Litecoin, brutto inizio di settimana: ecco che cosa è successo - litecoin

Brutto inizio di settimana per Litecoin, con la criptovaluta che ha perso terreno soprattutto nella giornata di lunedì, dopo la diffusione della notizia secondo la quale LitePay (il sistema che processava le operazioni di pagamento con la criptovaluta) ha messo fine alle operazioni, determinando immediate giustificazioni da parte del fondatore della valuta digitale.

Nei minuti successivi a tale annuncio la criptovaluta ha perso circa il 10 percento, approfondendo una flessione che per l’intero mese di marzo è di circa un terzo della sua capitalizzazione originaria.

Litecoin aveva invece cercato di recuperare terreno a febbraio, proprio sulla scia dell’annuncio secondo cui il sistema di elaborazione dei pagamenti LitePay sarebbe entrato in funzione il 26 febbraio. Tuttavia, in un’email inviata ai clienti il ​​5 marzo, LitePay ha detto che era ancora impegnata in diverse fasi valutative. Da allora, la società non aveva inviato alcun aggiornamento.

Si arriva così a lunedì, quando la Litecoin Foundation – un’organizzazione no profit che si occupa di sviluppare Litecoin, e che è altresì tra i principali investitori di LitePay- ha dichiarato sul suo sito web che il CEO di LitePay, Kenneth Asare, ha informato di aver “cessato tutte le operazioni e di aver avviato le procedure per vendere l’azienda”.

La Fondazione ha dichiarato di aver rifiutato la richiesta di ulteriori finanziamenti da parte di Asare dopo che una sessione  di domande / risposte su Reddit il 16 marzo aveva sollevato diverse richieste di chiarimenti su come i fondi venissero utilizzati.

“Come tutti, eravamo troppo eccitati per qualcosa che era troppo bello per essere vero e abbiamo ottimisticamente trascurato molti dei segnali di allarme” – ha dichiarato il creatore di Litecoin, Charlie Lee, in un tweet. “Mi dispiace di aver fatto pubblicità a questa società e prometto di fare meglio la due diligence in futuro” – ha altresì aggiunto.

A febbraio, Asare aveva dichiarato in una e-mail a CNBC che il suo team ha lavorato allo sviluppo del progetto dall’estate del 2017 e che il proprio obiettivo era “creare un modo per i commercianti per poter incassare Litecoin, una criptovaluta particolarmente utile per i pagamenti”.

Ricordiamo che, nonostante la flessione intercorsa, Litecoin è la quinta criptovaluta più importante al mondo per capitalizzazione di mercato, con 8,1 miliardi di dollari di valore complessivo. “Litecoin aveva un buon andamento prima di LitePay e continuerà a farlo” – ha specificato la Fondazione Litecoin sul proprio sito web.

I regolatori e le società statunitensi hanno assunto provvedimenti negli ultimi mesi per reprimere l’attività fraudolenta nelle criptovalute. La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha congelato le attività di coloro che sono coinvolti con alcune vendite di token, e lo Stato del Texas ha emesso numerosi ordini di cessazione rivolti alle società di criptovaluta. In settimana, Twitter ha seguito Google e Facebook nell’annunciare un divieto sulla pubblicità criptovalutaria.

Rate this post
Compra bitcoin con mastercard

About Roberto Rais

Grande appassionato di criptovalute, scrittore ormai da tempo per cripto-valuta.net

Guarda anche

Criptovaluta Facebook, cresce lo scetticismo - facebook 310x165

Criptovaluta Facebook, cresce lo scetticismo

Criptovaluta Facebook, cresce lo scetticismo. Ecco perchè gli analisti Tech Central non credono alla facecoin. …

Newsletter : tieniti aggiornato!

Ricevi in anteprima gli ultimi aggiornamenti

Noi rispettiamo la tua privacy
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook