L’Ucraina diventa il terzo Paese non appartenente all’UE ad aderire alla partnership europea sulla blockchain (EBP)

L'Ucraina diventa il terzo Paese non appartenente all'UE ad aderire alla partnership europea sulla blockchain (EBP) - ucraina iStock 530826058 jpgL’Ucraina si è unita alla Norvegia e al Lichtenstein come terza nazione non appartenente all’UE a diventare membro della European blockchain partnership (EBP). L’EBP è una collaborazione tra 27 nazioni per consentire una facile erogazione dei servizi pubblici tra gli Stati membri.

Secondo il ministro ucraino per la trasformazione digitale, il 17 giugno l’Ucraina entrerà a far parte dell’EBP come osservatore. Tuttavia, l’obiettivo finale è quello di collegare la sua economia digitale con gli altri Stati membri dell’EBP. L’Ucraina mira anche a estendere la sua collaborazione con la rete blockchain ad altre nazioni.

Questa iniziativa è partita l’anno scorso

La seconda nazione europea per grandezza si sta muovendo per entrare a far parte dell’EBP dall’anno scorso. La mossa è iniziata quando Oleksii Zhmerenetskyi e Konstantin Yarmolenko hanno scritto una lettera di intenti al presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen.

Zhmerenetskyi è a capo del gruppo parlamentare blockchain4Ukraine, mentre Yarmolenko è il CEO e fondatore di Ukraine’s virtual assets. Nella lettera, l’Ucraina ha anche segnalato la sua intenzione di aderire all’infrastruttura europea di servizi blockchain (EBSI).

Tuttavia, Von Der Leyen ha accettato che l’Ucraina si unisca all’EBP solo come osservatore. Yarmolenko ha rivelato che l’Ucraina intende eseguire un nodo pilota di prova dell’EBSI. Inoltre, intende utilizzare la tecnologia blockchain per testare casi d’uso transfrontalieri per i servizi pubblici.

Ha ammesso che le donazioni di criptovalute ricevute durante la guerra contro la Russia si sono rivelate molto utili. Tuttavia, ha aggiunto Yarmolenko, “il nostro prossimo obiettivo è quello di integrare completamente le soluzioni blockchain dell’UE e dell’Ucraina nell’ambito delle iniziative EBP/EBSI”.

L’Ucraina spera di diventare un membro a pieno titolo dell’EBP una volta completati i casi d’uso pilota della blockchain con l’EBP come osservatore. Yarmolenko ha anche detto che l’Ucraina intende avere più partner blockchain per consentire ai suoi cittadini di accedere ai servizi pubblici transfrontalieri. Tali servizi comprendono il sostegno ai rifugiati/asilo, la verifica dell’identità e la verifica dei diplomi di istruzione e di altre credenziali.

Rafforzare i legami dell’Ucraina con l’UE

Yarmolenko ha inoltre affermato che l’Ucraina rafforzerà i suoi legami con l’UE grazie a questa iniziativa. Zhmerenetskyi ha sottolineato altri vantaggi del partenariato blockchain a livello europeo. Ha affermato che la patente di guida ucraina sarà accettata in altre parti d’Europa quando gli ucraini chiederanno asilo o diventeranno rifugiati.

Inoltre, la mossa ridurrebbe la barriera all’accettazione delle credenziali ucraine per l’istruzione superiore. Recentemente, Mairead McGuinness della Commissione europea ha sottolineato la necessità di regolamentare i beni digitali. La McGuinness è a capo dell’Unione dei servizi finanziari, dei mercati dei capitali e della stabilità finanziaria della Commissione. Ha aggiunto che la regolamentazione deve riguardare tutti gli asset cripto, comprese le monete stabili.

La commissaria ha inoltre rivelato che la Commissione sta discutendo con le autorità francesi una proposta di Markets in Crypto Assets (MiCA). Secondo la McGuinness, le regole del MiCA forniranno chiare linee guida per la stabilità finanziaria, la protezione dei consumatori e l’integrità del mercato. Ha inoltre affermato che la necessità di discutere questa proposta è diventata più urgente alla luce delle attuali condizioni del mercato delle criptovalute. Tuttavia, non ha dichiarato i progressi della discussione con le autorità francesi.

Comments (No)

Leave a Reply