L’utilizzo del Bitcoin cresce tra i commercianti. Dati di Coinbase e Bitpay

L’utilizzo del Bitcoin cresce tra i commercianti. Dati di Coinbase e Bitpay - Coinbase 1 710x458 1Nonostante l’adozione dei bitcoin segua un ritmo molto lento, continua a vedersi una crescita sostenuta dai commercianti, indipendentemente dalle flessioni del mercato.

Secondo il CMO di BitPay, Bill Zielke, tale processore di pagamenti ha facilitato transazioni di criptovaluta per un valore di 1 miliardo di dollari nel 2019, con bitcoin in testa al gruppo.

Allo stesso modo, un portavoce di Coinbase ha affermato che Coinbase Commerce ha elaborato 135 milioni di dollari di pagamenti in criptovaluta per migliaia di commercianti nel 2019, il che rappresenta un aumento del 600% del numero di transazioni uniche tramite Coinbase Commerce dal 2018.

Ritmo lento ma in crescita

Ether ed altre stablecoin costituiscono una piccola percentuale di entrambi i totali sopra citati, secondo Chainalysis, che stima un valore delle transazioni in valuta bitcoin tramite processori di pagamento di circa 4 miliardi di dollari, nel 2019.

Ovviamente, il numero dei pagamenti con carta di credito è molto più alto, con un volume di acquisti nel 2018 di 3,7 trilioni di dollari, secondo un rapporto del 2019 dell’Ufficio di tutela finanziaria dei consumatori degli USA.

Tra le aziende rivolte ai consumatori, il CEO di Fold, Will Reeves, ha dichiarato che la sua app per lo shopping ha elaborato oltre 2.000 acquisti durante la stagione dello shopping natalizio del 2019, di cui l’80% erano transazioni Lightning Network. “Amazon, Starbucks, Sephora sono stati i marchi più quotati dagli utenti lightning”, ha detto Reeves.

La scorsa settimana è emersa sulla scena anche un’altra opzione per i commercianti. Si tratta di Strike, un’applicazione di Zap che consente agli utenti di effettuare pagamenti in USD tramite il Lightning Network.

Racconti dal registratore di cassa

Tutto considerato, c’è una concreta ragione per essere cautamente ottimisti sull’uso dei bitcoin nel 2020, oltre al trading speculativo. Tuttavia, il proprietario della boutique Lola Luna Jean-Michel Daumas, un cliente di Coinbase Commerce che gestisce un business di lingerie di lusso a Parigi, ha avvertito che è ancora troppo presto per descrivere i pagamenti in bitcoin come di routine o alla moda.

Daumas ha dichiarato che la sua boutique ha ricevuto più di 90 pagamenti in bitcoin dall’inizio del 2018, mai più di quattro al mese. I suoi clienti sono per l’80% uomini che spendono bitcoin in lingerie come status symbol, un’intuizione che si allinea alle scoperte di BitPay secondo cui gioielli, metalli preziosi e prodotti tecnologici di fascia alta raccolgono il maggior numero di acquirenti in bitcoin.

Forse alcuni clienti scelgono di pagare con bitcoin per mantenere una maggiore riservatezza sui propri acquisti. Ma, data la cultura della lingerie francese, Daumas ha affermato che è “troppo presto” per concludere perché alcuni acquirenti preferiscono usare bitcoin.

Guardando ad un contesto più ampio, Zielke di BitPay ha affermato che l’Europa e il Medio Oriente ospitano generalmente le transazioni commerciali di maggior valore, mentre ci sono più acquirenti nordamericani in termini di transazioni uniche.

Nel frattempo, Daumas preferisce semplicemente trasferire i guadagni dei bitcoin su un portafoglio hardware e fare hodl.

DutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish