Nvidia citata in giudizio per aver camuffato vendite di mining

Nvidia citata in giudizio per aver camuffato 1 miliardo $ delle vendite di mining come entrate di gaming

Nvidia citata in giudizio per aver camuffato 1 miliardo $ delle vendite di mining come entrate di gaming - Nvidia 1024x683Nvidia, il colosso multinazionale della produzione di chip, è stato nuovamente citato in giudizio da alcuni investitori che lo accusano di non aver comunicato vendite per 1,1 miliardi di dollari legate al business del mining di criptovalute tra il maggio 2017 e il luglio 2018.

Il management di Nvidia ha consapevolmente ingannato il mercato e gli investitori

Secondo The Register, il gigante dell’elaborazione informatica è stato accusato da un gruppo di azionisti per aver camuffato più di 1 miliardo $ di ricavi delle vendite delle graphics processing unit (GPU) utilizzate per l’estrazione di criptovaluta, presentandoli come guadagni della vendita di hardware di gioco.

La causa della classe azionista accusa il CEO Jensen Huang, il CFO Collette Kress e Jeff Fisher, vicepresidente senior e capo dei giochi, affermando che essi fossero pienamente consapevoli dell’entità delle vendite legate al mining rispetto a quelle gaming e avrebbero perciò ingannato il mercato.

L’azienda ha già affrontato cause simili in passato, ma quest’ultima denuncia (ottenuta modificando il testo di una precedente) depositata in un tribunale federale della California nei giorni scorsi potrebbe assumere risvolti poco piacevoli.

La causa risale al momento di massimo splendore del settore cripto nel 2017. I querelanti sostengono che “gli imputati hanno optato per una strategia che avrebbe capitalizzato sulla grande domanda dei minatori per le GPU GeForce, mentendo investitori sul fatto che il picco nelle vendite di GeForce proveniva dai giocatori, non dai minatori”.

In questo modo, essi sostengono che la società abbia voluto far apparire che le sue entrate fossero al riparo dagli alti e bassi dei mercati delle criptovalute. “I difensori si sono rifiutati di riconoscere pubblicamente che le vendite in crescita di NVIDIA erano il risultato degli acquisti da parte di minatori di criptovaluta instabili, per timore che gli investitori riducessero il valore delle azioni della Società per riflettere la volatilità della domanda legata alle criptovalute”, afferma il documento.

In altre parole, il comportamento attuato da Nvidia avrebbe indotto gli investitori ad acquistare azioni sulla base di informazioni imprecise.

Perdite inaspettate del 20 % per gli investitori

Nel 2018, il prezzo delle azioni di Nvidia è crollato del 20 % dopo che la domanda è diminuita a causa del declino della corsa alle miniere avvenuta l’anno precedente. Poiché i prezzi delle criptovalute sono diminuiti in modo significativo, anche i profitti sono stati colpiti, costringendo la società a chiudere molte operazioni.

Tramite un processo con giuria, gli azionisti ora chiedono danni alla società e ai suoi dirigenti per ciò che sostengono sia una violazione della legge sugli scambi degli Stati Uniti per aver travisato l’origine delle entrate di Nvidia in un periodo limitato di tempo.

Sembrano dunque tempi duri per le azioni Nvidia. Ecco perché consigliamo di scambiare criptovalute con piattaforme di trading automatico come Bitcoin Pro. Avete mai fatto trading di valute crittografiche? Questo potrebbe essere il momento migliore. 

Comments (No)

Leave a Reply

DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish