Nyan Cat NFT viene venduto per 300 ETH, aprendo le porte alla “Meme Economy”

Nyan Cat NFT viene venduto per 300 ETH, aprendo le porte alla "Meme Economy" - nyan cat in a wallSembra che una vecchia domanda su come monetizzare i meme abbia trovato una risposta. Qualche giorno fa, la leggendaria star di Internet, Nyan Cat, è stata venduta per 300,00 ETH (circa 590.000$ alla quotazione odierna) in un’asta online. Non è stato venduto il file .gif, che è ancora riproducibile e si trova ovunque online, ma un hash crittografico dell’immagine psichedelica sulla blockchain di Ethereum.

Chris Torres, che ha creato il meme 10 anni fa, ha confermato la vendita e il suo ruolo in essa tramite e-mail. Questo è stato il suo primo esperimento con token non fungibili (NFT), un tipo di risorsa digitale che ha recentemente preso d’assalto la scena crittografica. Gli NFT, come Bitcoin, sono piuttosto scarsi e identificabili in modo univoco. Hanno trovato applicazione nel mondo dell’arte digitale, così come in più industrie legate alla terra.

Niente male per uno che ha solo creato un meme!

“Sono ancora relativamente nuovo e non ne so molto delle criptovalute in generale, ma vedo il loro pieno potenziale”, ha detto Torres. La vendita è avvenuta sulla piattaforma di crypto art Foundation, lanciata solo due settimane fa. L’asta è stata aperta per 24 ore, con offerte a partire da 3 ETH (+ 5,35%).

Nelle ultime settimane, un certo numero di NFT storici è stato venduto per centinaia di ETH, come una variante di Crypto Punk al prezzo di oltre 1 milione di dollri. Il mercato dell’arte basato su NFT, che è cresciuto con i mercati delle criptovalute e ora vale oltre 100 milioni di dollari, con un successo visto sia dagli artisti cripto-nativi che da quelli tradizionali.

La vendita di Torres rappresenta l’ultima permutazione del settore NFT: codificare e vendere pezzi del web che apparentemente appartengono a tutti. “Sono molto sorpreso dal successo, ma penso di essere molto contento di sapere che ho praticamente aperto la porta a una nuova economia dei meme nel mondo delle criptovalute”, ha detto Torres.

La crittografia ha aperto nuove porte al successo

Fino ad ora, i creatori di meme vedevano spesso una piccola ricompensa per il loro lavoro. Alcuni hanno ottenuto contratti di libri, altri hanno venduto magliette e merci. Ma c’era un modo poco affidabile per monetizzare l’idea.

Con la crittografia, qualsiasi idea può essere monetizzata direttamente. E fintanto che l’identità del creatore può essere collegata in modo affidabile al lavoro, rappresenta il modo più diretto per premiare qualcuno per le cose che piacciono agli altri. Inoltre, le opere possono essere rivendute su un mercato secondario, con i proventi che continuano a spettare all’artista.

“Sento che questo è ciò di cui aveva veramente bisogno, e sarà fantastico vedere come andrà a finire”, ha detto Torres. Noi sappiamo già come andrà a finire, che gli artisti digitali guadagneranno più di quelli che hanno ancora a cuore tavolozza e pennelli. Vogliamo scommettere? Se la pensate come noi o diversamente da noi, fatecelo sapere nei commenti qui sotto.

Comments (No)

Leave a Reply