Piattaforma video di proprietà di Tron criticata per ospitare i rivoltosi estremisti del Campidoglio degli Stati Uniti

Piattaforma video di proprietà di Tron criticata per ospitare i rivoltosi estremisti del Campidoglio degli Stati Uniti - Dlive blockchain Tron 1024x576Secondo quanto riferito, la piattaforma di streaming video DLive, di proprietà della piattaforma blockchain Tron, è stata utilizzata da estremisti di estrema destra per trasmettere in streaming la rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti della scorsa settimana.

Cos’è accaduto su DLive

Il Southern Poverty Law Center (SPLC), un’organizzazione legale senza scopo di lucro, ha dichiarato giovedì sul suo sito Hatewatch che “suprematisti bianchi e neofascisti” hanno scelto DLive come alternativa a YouTube per lo streaming a causa della mancanza di moderazione.

SPLC ha detto di aver identificato cinque account DLive che hanno trasmesso in diretta le proteste: “Baked Alaska”, “Gloomtube”, “Murder the Media”, “Loulz” e “Woozuh”. I membri di Baked Alaska sono riusciti a violare l’edificio del Campidoglio, dice il post.

L’organizzazione no profit stima che DLive abbia consentito nel tempo l’invio di centinaia di migliaia di dollari a tali estremisti attraverso donazioni di criptovaluta tramite una struttura integrata nel sito.

La piattaforma raccoglie anche ricompense dai finanziamenti degli estremisti. DLive prende il 25% da ogni donazione, con il 20% che va alla piattaforma stessa e il 5% viene ridistribuito ad altri utenti DLive tramite il suo sistema di staking, ha affermato SPLC.

Come ha reagito la piattaforma dopo l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti

Il 6 gennaio, è avvenuto un attacco senza precedenti all’edificio del Campidoglio degli Stati Uniti organizzato da frange estremiste di rivoltosi che sostenevano il presidente uscente Donald Trump. La rivolta ha provocato la morte di cinque persone, tra cui un ufficiale di polizia del Campidoglio, e molti feriti.

Nel dicembre 2019, il fondatore di Tron Justin Sun ha annunciato che la sua azienda aveva stretto un accordo di acquisizione con DLive, spostando la piattaforma sulla Blockchain di Tron e integrandola con il servizio di streaming BLive di BitTorrent.

Venerdì, DLive ha dichiarato in un post: “Sebbene sosteniamo fortemente la crescita dei nostri creatori di contenuti, abbiamo anche tolleranza zero nei confronti di qualsiasi forma di violenza e attività illegali”.

Da giovedì, la piattaforma ha dichiarato di aver sospeso tre account, messo offline cinque canali, bandito due account dal live streaming e rimosso definitivamente oltre 100 trasmissioni passate. DLive sta anche agendo contro gli streamer che sono stati coinvolti nelle rivolte.

“Il team di DLive sta attivamente intraprendendo azioni nei confronti degli streamer che risultano essere parte o partecipanti all’incidente al Campidoglio di Washington, DC il 6 gennaio, inclusi ma non limitati a sospensione dell’account, rimozione di trasmissioni passate, congelamento dei loro guadagni e della possibilità di prelevare. La donazione e gli abbonamenti pagati verranno rimborsati sui conti da cui hanno avuto origine”. DLive ha inoltre affermato che sta ora lavorando per aggiungere nuove funzioni di segnalazione per aiutare a fermare i canali che violano le linee guida.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicCroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGermanGreekHungarianIndonesianItalianLatvianLithuanianMalayNorwegianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwedishThaiTurkishVietnamese