Presunta truffa di 140 milioni di dollari in bitcoin sotto inchiesta in Spagna

Presunta truffa di 140 milioni di dollari in bitcoin sotto inchiesta in Spagna - hacker bitcoin 2478831I casi di presunte truffe che coinvolgono investimenti in bitcoin (scopri come comprare Bitcoin) e altre criptovalute che promettono alte percentuali di rendimento continuano ad essere all’ordine del giorno.

Il turno di affrontare la giustizia è arrivato per una piattaforma chiamata Nimbus, creata nel 2020 e con sede a Malta. L’indagine è stata appena rilevata dall’Audiencia Nacional spagnola per decisione della Corte Suprema di quel paese.

L’azienda è accusata di gestire uno schema piramidale per una cifra vicina ai 140 milioni di dollari, secondo un rapporto forense della Guardia Civil, che ha lasciato un numero di persone colpite che raggiunge le 4.000 persone, secondo un giornale locale.

Inoltre, la società è accusata di usare le criptovalute dei suoi investitori e scambiarle con i propri token chiamati NBU e GNBU, basati sulla rete Ethereum. Al momento della scrittura, i suddetti token hanno un prezzo di 0,011 USD e 0,10 USD rispettivamente. Quest’ultimo è in calo del 14,62% nelle ultime 24 ore, secondo CoinMarketCap.

Quanto sopra significherebbe che la società Nimbus ha scambiato BTC e la stablecoin USD Tether (USDT), una criptovaluta che è stata anche gestita dagli utenti, per gettoni con un valore notoriamente inferiore.

Le accuse contro la società potrebbero includere racket, riciclaggio di denaro e organizzazione criminale. Nimbus offriva rendimenti tra il 7% e il 15% al mese. Ha anche affermato che gli investitori non avrebbero subito perdite, ma dal 2020 ha smesso di rispettare i suoi impegni di pagamento, innescando una denuncia.

Tutto è iniziato nel 2021

A quanto pare, i problemi legali di Nimbus sono sorti nel 2021, quando un tribunale di Huelva, una città nel sud della Spagna, ha ricevuto una denuncia dall’avvocato Carlos Aránguez, che rappresenta 150 persone colpite dalla presunta truffa della società.

Secondo un rapporto dei media locali, Nimbus ha detto che Aránguez ha iniziato una campagna diffamatoria per attirare più clienti. Il sito web dell’avvocato mostra che rappresenta le vittime di altri presunti schemi piramidali in Spagna da piattaforme come Kuailian, Finiko, Bullrun.io, Ganancias Deportivas, tra gli altri.

Infatti, all’inizio di quest’anno, Aránguez ha fondato la Asociación de Usuarios de Criptomonedas. Un’organizzazione senza scopo di lucro che cerca di diffondere la conoscenza di bitcoin e criptovalute e, inoltre, di proteggere coloro che fanno uso di questi beni digitali.

Aránguez non è l’unico che difende le persone colpite da Nimbus, c’è anche LABE Abogados. Secondo il loro sito web, il numero di persone colpite potrebbe raggiungere 32.000 persone con un danno che potrebbe superare i 100 milioni di euro.

“Nimbus sosteneva che attraverso un sofisticato sistema di arbitraggio basato sul software Avalon App potevano garantire rendimenti mensili ben al di sopra del mercato di circa il 7 e 15% sistematicamente per il solo fatto di depositare le nostre criptovalute nell’indirizzo del portafoglio Nimbus” – LABE Abogados.

Nimbus è un “chiringuito finanziario”

Fino ad ora, la Corte Nazionale si limitava ad analizzare i dati e le informazioni fornite dal tribunale di Huelva, tuttavia, questo è appena cambiato. Per la Commissione Spagnola di Sicurezza e Scambio (CNMV), Nimbus non è nemmeno da fidarsi, è classificata come un “chiringuito finanziario”, in quanto non è autorizzata a fornire servizi di investimento.

L’azienda nega le accuse e dice di avere fiducia nei tribunali e nelle istituzioni giudiziarie spagnole per determinare la verità. Ha chiarito la sua intenzione di cooperare con le autorità spagnole e assicura che risponderà a qualsiasi domanda.

I casi di truffe con criptovalute sorgono spesso in Spagna, in gran parte a causa della popolarità del bitcoin in quel paese. Questo media ha recentemente riferito che la Spagna si è classificata quinta in Europa con il più alto volume di transazioni di criptoasset con quasi 60 miliardi di euro durante il 2021. Qualcosa che attrae coloro che cercano di approfittare delle persone che desiderano investire in un’industria ancora nascente.

Comments (No)

Leave a Reply