Questa altcoin “segreta” sta esplodendo dopo le voci di un divieto europeo sulle monete per la privacy

Questa altcoin "segreta" sta esplodendo dopo le voci di un divieto europeo sulle monete per la privacy - 5FAE5DB325E2F9AA238D5E28756C317A43561192186E984FFBE1F139BB009664Dopo l’episodio dell’FTX, lo spazio delle criptovalute è stato caratterizzato da un quadro cupo. Il Bitcoin e la maggior parte delle altcoin hanno subito una forte pressione di vendita nelle ultime due settimane.

Tuttavia, in questo periodo di incertezza, un’altcoin incentrata sull’anonimato sta sovraperformando il resto del mercato delle criptovalute in seguito alle voci secondo cui l’Europa starebbe pianificando di vietare le monete per la privacy.

Costruita sulla rete Cosmos (ATOM), Secret (SCRT) è una catena incentrata sulla privacy con crittografia end-to-end e contratti intelligenti denominati “Secret Contracts”. La rete permette agli utenti di rendere privata qualsiasi moneta o blockchain criptando dettagli come gli indirizzi dei portafogli di invio/ricezione, i saldi dei token, ecc. al momento dello scambio dei token Secret.

Per trasformare le monete di alcune blockchain diverse in “Token Segreti”, il progetto utilizza una cosa chiamata Secret Bridges. Per convertire le monete di altre reti blockchain, Secret parcheggia prima le monete in uno smart contract della catena originale. In un secondo momento, coniano la quantità equivalente di gettoni sulla rete Secret.

SCRT, il token nativo di Secret Network, è stato recentemente al centro delle cronache per un forte rally. All’inizio della settimana, mercoledì, il prezzo del token SCRT ha avuto un andamento parabolico, guadagnando più del 100% in sole 24 ore, passando da 0,64 a 1,29 dollari.

Tuttavia, SCRT non è riuscita a sostenere i guadagni di prezzo e ha ritracciato significativamente da lì. Al momento della stampa, SCRT è scambiata a 0,84 dollari, con un ritracciamento di oltre il 30% rispetto ai massimi settimanali.

Crescente esame delle monete per la privacy in Europa

Le monete per la privacy stanno affrontando una crescente pressione da parte delle agenzie di regolamentazione in tutto il mondo, soprattutto negli Stati Uniti e in Europa.

Il Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (GAFI), l’organismo di regolamentazione globale, sta cercando di applicare la “regola del viaggio”, che raccomanda al governo di obbligare le parti interessate, come le banche, le borse di criptovalute, i portafogli ospitati e i desk over-the-counter (OTC), a condividere alcune informazioni identificative relative alle persone coinvolte in transazioni di criptovalute del valore di 10.000 dollari o più.

Le agenzie di regolamentazione hanno dato la caccia ai servizi di miscelazione delle criptovalute che possono nascondere i dettagli della fonte originale delle transazioni. All’inizio di quest’anno, il Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato il servizio di miscelazione di criptovalute basato su Ethereum, Tornado Cash. Poche settimane dopo, lo sviluppatore di questo protocollo open-source è stato arrestato nei Paesi Bassi, suscitando enormi critiche da parte dei sostenitori della privacy delle criptovalute.

Tuttavia, gli attori della privacy delle criptovalute stanno restituendo la parola ai regolatori. Coin Center, il think tank sulle criptovalute, ha recentemente citato in giudizio l’Office of Foreign Assets Control (OFAC) per le sanzioni. Jerry Brito, direttore esecutivo del Coin Center, ha dichiarato:

Non solo stiamo lottando per i diritti alla privacy, ma se questo precedente viene lasciato in piedi, l’OFAC potrebbe aggiungere interi protocolli come Bitcoin o Ethereum alla lista delle sanzioni in futuro, vietandoli immediatamente senza alcun processo pubblico. Questo non può passare inosservato.

Comments (No)

Leave a Reply