Se avessi investito 100 dollari in Bitcoin nel 2011, ecco quanto avresti ora

Se avessi investito 100 dollari in Bitcoin nel 2011, ecco quanto avresti ora - 5fd26b9330f2740018b0f226Il primo Bitcoin (CRYPTO:BTC) è stato estratto 13 anni fa. Per i primi tre anni, valeva meno di un centesimo. Ma nel 2011, ha superato una pietra miliare importante quando ha raggiunto la parità con il dollaro americano.

All’epoca, molte persone si fecero beffe di Bitcoin e sostennero che non avrebbe mai potuto essere usato come valuta tradizionale o come investimento a lungo termine. Ma se tu avessi adottato una visione contraria e avessi comprato cento Bitcoin con 100 dollari quell’anno, il tuo investimento varrebbe oggi ben 4,32 milioni di dollari.

Come ha fatto Bitcoin a mettere a tacere i critici?

Quando Bitcoin è stato creato, l’idea di usare i chip dei computer per estrarre una valuta digitale sembrava stravagante e assurda. Ma in pratica, non era molto diverso dall’uso di macchinari industriali per estrarre metalli preziosi.

Proprio come l’oro, Bitcoin è una risorsa finita. Man mano che più Bitcoin vengono estratti, diventa sempre più difficile e meno conveniente estrarre nuovi Bitcoin. Nei primi tempi, Bitcoin poteva essere estratto con unità di elaborazione grafica (GPU) per PC di fascia alta.

Ma oggi, Bitcoin non può essere efficacemente estratto con le normali GPU a causa del tempo e dell’energia richiesti per estrarre un singolo Bitcoin. Invece, dispositivi costosi noti come circuiti integrati per applicazioni specifiche (ASIC) sono ora necessari per estrarre una fornitura costante di Bitcoin. Tuttavia, la stessa logica economica si applica ai Bitcoin e ai metalli preziosi: I minatori possono fare soldi solo se i costi dei macchinari e del lavoro non superano il valore di mercato del metallo.

Inoltre, l’algoritmo di Bitcoin limita la sua produzione a 21 milioni di Bitcoin. È comunemente stimato che l’ultimo Bitcoin sarà estratto entro il 2140.

Man mano che sempre più persone hanno afferrato questi concetti, hanno iniziato a valutare il Bitcoin come un bene accanto all’oro e ad altri metalli preziosi. Inoltre, l’anonimato e la sicurezza delle transazioni di Bitcoin, che è abilitata da una tecnologia di registro distribuito chiamata blockchain, lo ha reso anche un’alternativa attraente alle valute fiat per le transazioni finanziarie. Un numero crescente di investitori ha anche iniziato a promuovere il Bitcoin come una potenziale copertura contro l’inflazione.

Il futuro di Bitcoin

Dopo che il Bitcoin ha raggiunto la parità con il dollaro statunitense, più investitori, analisti, imprenditori e persino governi sono saliti a bordo del carro.

Sono apparse società di estrazione di Bitcoin come Marathon Digital (NASDAQ:MARA) e Riot Blockchain (NASDAQ:RIOT), gli scambi di criptovalute come Coinbase (NASDAQ:COIN) sono cresciuti e i primi ETF (exchange-traded fund) di Bitcoin hanno colpito il mercato.

Gli evangelisti del Bitcoin come Jack Dorsey e Mark Cuban hanno suscitato ancora più entusiasmo da parte degli investitori tradizionali, mentre un numero crescente di rivenditori ha iniziato ad accettare Bitcoin come opzione di pagamento. El Salvador è persino diventato il primo paese ad accettare ufficialmente Bitcoin come valuta legale l’anno scorso.

Cathie Wood di ARK Invest ha recentemente previsto che il prezzo del Bitcoin avrebbe raggiunto 560.000 dollari entro il 2026, il che renderebbe il tuo investimento iniziale di 100 dollari del valore di 56 milioni di dollari. Wood crede che il Bitcoin possa raggiungere questo alto obiettivo di prezzo se tutti gli investitori istituzionali assegnassero solo il 5% dei loro portafogli alla criptovaluta.

Comments (No)

Leave a Reply