Una signora israeliana di 69 anni ha trasformato un investimento in bitcoin da 3mila dollari in 320mila dollari

Una signora israeliana di 69 anni ha trasformato un investimento in bitcoin da 3mila dollari in 320mila dollari - Bank Hapoalim HQ in Tel Aviv shutterstock 580x358 1Dopo aver ottenuto 100 volte il suo investimento iniziale, Bank Hapoalim nega di aver depositato 320mila dollari di profitto che Esther Freeman ha guadagnato dal suo investimento in BTC, citando che aveva usato denaro per diventare un HODLer.

Secondo quanto riferito, la pensionata israeliana Esther Freeman ha trasformato un investimento di 10.000 ILS in Bitcoin, del valore di circa 3mila dollari all’epoca, in ILS 1.000.000 (circa 324mila dollari) in otto anni. Tuttavia, Hapoalim Bank, una delle più grandi banche del paese, ha negato di accettare i profitti poiché la fonte di investimento iniziale potrebbe aver avuto un collegamento con operazioni finanziarie illegali.

I contanti sono il problema

Nel 2013 una cittadina israeliana in pensione di 69 anni, Esther Freeman, ha deciso di entrare nel mercato delle criptovalute investendo circa 3.240 dollari. Nonostante i suoi 69 anni, la pensionata ha affermato di essere “giovane nello spirito” e che i suoi parenti più giovani hanno influenzato principalmente la sua decisione:

“Ho ascoltato mio figlio e i miei nipoti, i ragazzi giovani, e ho detto che sarebbe stato fatto un tentativo. Senza alcuna conoscenza in materia, nella reale innocenza di un comune cittadino. Non avrei mai pensato che 10.000 NIS sarebbero diventati quasi 1 milione di NIS”.

Anche se Freeman ha moltiplicato il suo investimento di 100 volte, Bank Hapoalim si è rifiutata di depositare l’importo trasferito dalla piattaforma di criptovaluta FIAT che ha utilizzato mentre il deposito iniziale anni fa veniva effettuato in contanti.

Pertanto, la fonte dei fondi potrebbe essere correlata al “riciclaggio di denaro o al finanziamento del terrorismo”, ha spiegato la banca. Inoltre, l’istituzione ha delineato alcuni dei famigerati lati oscuri del settore degli asset digitali che le banche in genere forniscono:

“Le caratteristiche delle valute virtuali (cioè digitali) consentono loro di essere trasferite in modo anonimo e senza supervisione, spesso aggirando la necessità di utilizzare i fattori finanziari che si applicano al regime antiriciclaggio e di finanziamento del terrorismo”.

Entrano in scena gli avvocati

Per avere maggiori possibilità di ottenere i suoi fondi, Freeman ha nominato Shaul Zioni suo avvocato e ha aperto una causa contro la banca. La pensionata ha detto che nel corso degli anni è stata una fedele cliente della banca e ha bisogno di soldi per aiutare uno dei suoi figli:

“La banca conosce la mia condotta. Non ho soldi da nessun’altra parte, solo alla Bank Hapoalim. Sanno che non riciclo capitali né faccio affari al di fuori della banca. Io sono in pensione. Tutti e quattro i miei figli hanno conti in banca. I soldi che mi servono per aiutare uno dei miei figli a comprare un appartamento”.

Sulla questione è intervenuto anche l’avvocato di Freeman, Shaul Zioni. Ha notato che il suo cliente vuole che il tribunale dichiari che la fonte del denaro investito in bitcoin è “conosciuta, chiara e supportata da riferimenti”. Nel corso degli anni, Freeman ha mantenuto i suoi Bitcoin in vari portafogli digitali, in cui non sono state effettuate ulteriori transazioni, ha aggiunto Zioni.

Successivamente, il tribunale ha stabilito che l’istituto finanziario non dovrebbe limitare l’attività del conto ai suoi clienti solo perché sono collegati alle valute digitali. La banca Hapoalim ha ricevuto il caso e ha promesso di studiarne i dettagli e di “rispondere nel modo consueto”.

Israele vuole trattare le attività di criptovaluta come le banche

A causa dei rischi derivanti dall’utilizzo di risorse digitali in attività criminali, le autorità israeliane hanno recentemente pianificato di applicare le regole bancarie antiterrorismo.

A partire da ora, il governo ha dovuto spendere risorse significative per scoprire frodi in aree in cui le aziende non erano obbligate a segnalare tutte le operazioni finanziarie. Se la nuova politica diventa attiva, tutte le aziende legate alle criptovalute dovranno presentare rapporti come le banche.

Le nuove regole dovrebbero avvantaggiare anche le piccole imprese di risorse digitali poiché la segnalazione promette di essere accessibile e modernizzata. Pertanto, tali società potrebbero fornire una maggiore fiducia nella sicurezza dei loro servizi.

Comments (No)

Leave a Reply