YouTube risponde alle accuse per le truffe basate sul token XRP pubblicizzate sulla piattaforma

YouTube risponde alle accuse per le truffe basate sul token XRP pubblicizzate sulla piattaforma - Ripple Sues YouTube for Allowing XRP Giveaway Scams 1024x536Nel tentativo di respingere una causa intentata da Ripple, YouTube ha dichiarato di non essere responsabile per i truffatori del mondo cripto che agiscono tramite la sua piattaforma.

Accusa

La mozione depositata la settimana scorsa presso il Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto settentrionale della California, sostiene che ai sensi della Sezione 230 del Communications Decency Act, i “servizi informatici interattivi”, come YouTube, non possono essere trattati come editori di contenuti di terze parti e quindi non sono non sono responsabile per questo.

Ripple aveva citato in giudizio YouTube ad aprile, sostenendo che la piattaforma di condivisione video non controllava sufficientemente le truffe riguardanti i token XRP – scopri al momento la sua quotazione – sulla sua piattaforma, causando perdite monetarie anche consistenti per gli utenti e danneggiando la reputazione di Ripple.

Nella causa intentata dalla società cripto si afferma che i truffatori abbiano frodato “milioni di XRP valutati in centinaia di migliaia di dollari” dalle vittime e citato almeno un caso in cui un truffatore apparentemente ha ricevuto 15.000 $ in XRP da una vittima.

Difesa

Nella sua mozione per respingere la causa, YouTube sostiene che le affermazioni di Ripple si scontrano con l’immunità fornita contro tali cause agli editori online ai sensi della Sezione 230. La mozione afferma che Ripple ha intentato la causa “anche se YouTube stesso è vittima della truffa” dal momento in cui gli aggressori hanno rilevato gli account degli utenti sulla piattaforma.

Gli argomenti di YouTube per respingere le accuse si concentrano sull’idea che il colosso della condivisione di video non abbia intrapreso volontariamente o consapevolmente nessuna delle truffe o la violazione del copyright e non può essere ritenuto responsabile per qualsiasi contenuto di terze parti sul suo sito web.

Nelle dichiarazioni dell’azienda si legge anche che è intervenuta su tali truffe, chiudendo l’accesso alla piattaforma, ogni volta che è stata avvisata. YouTube ha anche risposto alle accuse secondo cui l’azienda avrebbe anche aiutato i truffatori a pubblicizzare i loro programmi pubblicando annunci a pagamento per loro, ribadendo la sua posizione per cui non può essere ritenuta responsabile per i contenuti di terze parti.

“E se YouTube ha “approvato” gli annunci consentendo loro di essere pubblicati è irrilevante”, è sottolineato nella mozione. YouTube sostiene che la Sezione 230 protegge il gigante della condivisione di video dalle accuse di Ripple e quindi il caso dovrebbe essere archiviato.

Ripple non ha ancora commentato la mozione di respingimento delle accuse di YouTube. Negli ultimi giorni, in un’altra causa intentata contro YouTube, il co-fondatore di Apple, Steve Wozniak, ha affermato che la società aveva consentito truffe di token che usano l’associazione a Bitcoin per prosperare sulla sua piattaforma. Wozniak, insieme ad altri 18 querelanti, vorrebbe che YouTube paghi i danni e interrompa immediatamente anche queste truffe.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish