Aragon acquisisce il progetto di voto Vocdoni per arricchire lo stack di governance decentralizzato

Aragon acquisisce il progetto di voto Vocdoni per arricchire lo stack di governance decentralizzato - Aragon Vocdoni 1024x536La Aragon Association, custode di un protocollo che facilita la creazione di decentralized autonomous organizations (DAO), ha annunciato l’acquisizione del progetto di voto Vocdoni da Dvote Labs Oü, con sede in Estonia.

L’acquisto è stato completato a dicembre per un prezzo non reso noto. I membri del team di Vocdoni hanno ricevuto una quantità non precisata di ANT, il token nativo della rete Aragon che è possibile negoziare con Bitcoin Revolution, come parte dell’acquisizione, secondo una dichiarazione del CFO di Vocdoni Joan Arús.

“Portare la democrazia nel 21° secolo” con un’infrastruttura di voto online

Nato dal movimento indipendentista catalano del 2017, lo staff di Dvote Labs è composto principalmente da catalani che hanno vissuto in prima persona la soppressione di un voto democratico. A quel tempo, la Catalogna cercò di separarsi dalla Spagna tramite una votazione che fu considerata illegale.

I voti dei cittadini alla fine non contarono più nulla dopo la repressione della polizia, le rivolte e gli arresti di alto profilo. Vocdoni combina un’infrastruttura decentralizzata come InterPlanetary File System (IPFS) con prove zero-knowledge all’avanguardia (zk-SNARK) nel tentativo di portare la democrazia nel 21° secolo, ha detto Arús. Il progetto, sebbene non cripto-first, utilizza il meccanismo di consenso Tendermint impiegato anche dalla blockchain Cosmos.

Tuttavia, Vocdoni è basato su Ethereum. Il protocollo si colloca in mezzo a molte altre strutture di governance digitale tra cui Compound Finance e MakerDAO. Tuttavia, il modulo di governance di Vocdoni non è necessariamente diretto solo a fini finanziari, ha detto Arús. “È un’infrastruttura per le società digitali”, ha affermato.

Maggiore scalabilità per il progetto

La Aragon Association ha acquisito Vocdoni per dare scalabilità al suo progetto attuale e per rendere globali i DAO, ha affermato l’azienda. “La tecnologia di Vocdoni consente un voto infinitamente scalabile, gratuito e anonimo con regolamento a catena.

Per noi, questo è il Santo Graal del voto sulla blockchain”, ha detto in una dichiarazione Joe Charlesworth, il nuovo direttore esecutivo del gruppo. “Anche se di recente abbiamo fatto un passo avanti per consentire il voto out-chain con accordi on-chain, l’aspetto della privacy e l’uso di una side chain e di oracoli per regolare i voti on-chain è, a mio parere, senza precedenti”.

Per ora, Vocdoni continuerà a lavorare sulle votazioni locali con i comuni e le organizzazioni private, ha detto Arús. L’aggiunta della soluzione di throughput di Ethereum ZK-Rollups è prevista entro la fine dell’anno e dovrebbe rendere il progetto in grado di condurre elezioni costituite dall’intera popolazione della Terra, ha affermato Arús.

L’acquisizione arriva sulla scia dell’abbandono del grande ecosistema di Aragon da parte di 12 membri dello staff centrale, una dalla Aragon Association e 11 da Aragon One. I membri del team hanno vagamente accusato l’Associazione di mancanza di trasparenza sia nelle decisioni di leadership che con i fondi dell’initial coin offering (ICO) del progetto.

In effetti, circa 52.000 ETH (62,4 milioni $) dal fondo ICO sono stati recentemente convertiti in asset in gran parte stabili senza dare un avviso generale alla comunità. L’acquisizione di Vocdoni non è correlata al movimento dei fondi ICO, ha detto Charlesworth.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicCroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGermanGreekHungarianIndonesianItalianLatvianLithuanianMalayNorwegianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwedishThaiTurkishVietnamese