BitLicense: Per le società già regolamentate all’estero, New York non è così lontana

BitLicense: Per le società già regolamentate all'estero, New York non è così lontana - zeb40sdhma0nxbeQuando la BitLicense è stata introdotta nel 2015, 15 società cripto tra cui alcune internazionali come Bitfinex di Hong Kong e la svizzera ShapeShift (che opera da Denver) hanno dovuto cessare le operazioni a New York.

Difficile ma non impossibile

Il Dipartimento dei Servizi Finanziari di New York (NYDFS) ha approvato 25 società che lavorano in servizi con valute virtuali negli ultimi cinque anni. Di queste, quattro hanno sede o sono nate al di fuori degli Stati Uniti, tra cui: BitFlyer, con sede a San Francisco fondata in Giappone; Bitstamp, con sede in Lussemburgo; Xapo Holdings, con sede a Hong Kong, e ItBit, fondata a Singapore e rinominata Paxos nel 2016.

Bitstamp e Xapo sono state tra le prime nove aziende a richiedere la licenza insieme a Bittrex e MonetaGo con sede negli Stati Uniti nel 2015. Le prime due sono riuscite ad ottenerla. Ma l’anno scorso, a Bittrex e Bitcoin Revolution, è stata negata la licenza, mentre MonetaGo di New York ha chiuso i suoi exchange ed ha riposizionato i suoi obiettivi nello sviluppo della tecnologia blockchain.

Favorite le società già regolamentate

BitFlyer, con sede a Tokyo, è stato il primo ente internazionale a ricevere una BitLicense NYDFS. Al momento della domanda, era già regolato dall’Agenzia Giapponese per i Servizi Finanziari. David Zacks, Chief Compliance Officer degli Stati Uniti di BitFlyer, ha affermato che il fatto che fosse già regolamentato ha reso più semplice il processo di applicazione per l’azienda.

Ad uno dei più grandi exchange di criptovalute al mondo, Bitstamp, è stata concessa una BitLicense nel 2019, quattro anni dopo aver presentato domanda. Il responsabile delle operazioni statunitensi di Bitstamp Hunter Merghart affermato che “Bitstamp [era] già regolato dalla CSSF in Lussemburgo da un certo numero di anni.

Crediamo che questo, tra gli altri fattori, abbia contribuito a dimostrare a NYDFS quanto seriamente Bitstamp consideri la regolamentazione”. Xapo Holdings, che ha ottenuto la licenza nel 2018, all’epoca stava già conducendo operazioni in Europa e Xapo (Gibraltar) Limited era regolata dalla Commissione per i Servizi Finanziari di Gibilterra.

Fare affari a New York

Oltre a un estenuante processo di raccolta di informazioni, BitLicense è costata a Bitstamp fino a 100.000 $ in commissioni e tempo speso per l’applicazione. Ma secondo Merghart, essere in grado di servire i clienti a New York ha aiutato Bitstamp a guadagnare entrate e quote di mercato.

“L’ottenimento di una Bitlicense ha anche contribuito a costruire relazioni e partnership con altre società di alta qualità che stanno entrando nel settore cripto per la prima volta ma si sentono più a loro agio nel trattare con enti regolamentati”, ha aggiunto Merghart.

Anche per BitFlyer, la licenza per operare a New York è stata un’opportunità che ha aiutato l’azienda a espandere le sue operazioni globali. “Gli Stati Uniti sono un grande mercato, e rappresentano un passo in più per gli exchange che sono cresciuti a livello internazionale, si sentono sicuri delle loro offerte e preparati come organizzazione per conformarsi ai requisiti normativi locali”, ha affermato Zacks.

Comments (No)

Leave a Reply

DutchEnglishFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish