FMI, Banca Mondiale e G20 a lavoro per creare una regolamentazione unica per le Central Bank Digital Currency

FMI, Banca Mondiale e G20 a lavoro per creare una regolamentazione unica per le Central Bank Digital Currency - AdobeStock 184020105 Convertito kA9G 1020x533@IlSole24Ore WebLe autorità finanziarie internazionali e 20 delle più grandi economie del mondo si stanno impegnando per stabilire standard ufficiali per la regolamentazione e l’emissione di valute digitali sovrane.

Regolamentazione internazionale prevista entro il 2022

Il Group 20 (G20) – un’organizzazione formata da ministri delle finanze e governatori delle banche centrali che rappresentano l’Unione Europea e 19 paesi in tutti i continenti – ha dichiarato martedì in un rapporto che sta lavorando con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Banca Mondiale e il Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) per formalizzare l’uso delle Central Bank Digital Currency (CBDC) nei sistemi bancari.

Secondo il rapporto, entro la fine del 2022 i membri del G20, l’FMI, la Banca mondiale e la BRI avranno completato i quadri normativi sulle stablecoin e la ricerca e la selezione di progetti, tecnologie ed esperimenti per le CBDC.

L’FMI ​​e la Banca mondiale avranno gli strumenti tecnici per facilitare le transazioni CBDC che coinvolgono i paesi entro la fine del 2025, afferma il rapporto. I paesi “esamineranno la portata di nuove piattaforme multilaterali, accordi globali sulle stablecoin e le CBDC per affrontare le sfide che i pagamenti transfrontalieri comportano senza compromettere gli standard minimi di vigilanza e regolamentazione utili a controllare i rischi per la stabilità monetaria e finanziaria”, ha affermato il G20 Financial Stability Board (FSB), un’istituzione nata dopo la crisi finanziaria del 2008.

Alleanze multinazionali

La roadmap del G20 sulle stablecoin segue un rapporto congiunto pubblicato da sette banche centrali la scorsa settimana attraverso la BRI per delineare un fronte transnazionale attorno alle valute digitali nazionalizzate.

Il rapporto della scorsa settimana, scritto dalla Federal Reserve degli Stati Uniti, dalla Banca del Canada, dalla Banca Centrale Europea (BCE), dalla Banca d’Inghilterra (BOE), dalla Banca nazionale svizzera, dalla Sveriges Riksbank svedese e dalla Banca del Giappone (BOJ), delinea i requisiti che le banche centrali richiederebbero alle CBDC nei rispettivi paesi.

In particolare, le CBDC dovrebbero connettersi alle tecnologie finanziarie tradizionali, regolare elevati volumi di transazioni istantaneamente 24 ore su 24, essere sicure contro gli attacchi informatici e rispettare le normative e i controlli che si applicano al denaro già in circolazione e che mantengono il potere della banca centrale, afferma il rapporto.

Le CBDC potrebbero migliorare i pagamenti transfrontalieri, contrastare le valute digitali private simili alla Libra di Facebook (NASDAQ: FB) e trasferire i pagamenti dei fondi di supporto ai cittadini durante la pandemia di coronavirus, afferma il rapporto. Inoltre, le CBDC non sarebbero anonime e autogestite, afferma il rapporto, divergendo dalle valute virtuali di cui prenderebbero in prestito la distributed ledger technology.

Sperimentazioni iniziate

Questo mese, la BCE e la BOJ hanno dichiarato di star esaminando attivamente l’emissione di CBDC. Un rapporto della BCE afferma che la decisione di emettere un euro digitale sarebbe stata annunciata il prossimo aprile.

I funzionari della BOJ hanno affermato che gli esperimenti sullo yen digitale sono iniziati in primavera e hanno richiesto uno sforzo notevole per abbinare lo yuan digitale cinese con la più complessa CBDC ancora in fase di sperimentazione.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish