Gli esperti sostengono che il programma QE della Fed rafforzerà Bitcoin in un modo o nell’altro

Gli esperti sostengono che il programma QE della Fed rafforzerà Bitcoin in un modo o nell'altro - MW HM885 FedPow ZH 20190709070143Un altro enorme programma di Quantitative Easing (QE) dovrebbe favorire bitcoin, sia in termini di reputazione come copertura contro cambiamenti centralizzati del sistema finanziario, sia anche direttamente, poiché i prezzi degli asset aumentano gradualmente su tutta la linea.

L’azione del QE

Mentre il QE può essere considerato un anatema per le criptovalute, alcuni esperti concordano sul fatto che l’effetto netto sui prezzi sia positivo, in un modo o nell’altro.Il QE ha contribuito ad aumentare il prezzo di bitcoin (BTC) negli ultimi dieci anni, secondo l’economista e autore Frances Coppola.

“Quello che fa il QE è aumentare i prezzi degli asset su tutta la linea e ciò includerebbe nuove risorse alternative come bitcoin”, ha detto.L’idea che bitcoin sia correlato con il mainstream finanziario viene ora indiscutibilmente confermata, ha aggiunto Coppola (lo shock da coronavirus di questo mese ha visto bitcoin perdere quasi il 50% del suo valore).

Ci sono stati altri QE?

Le banche centrali hanno condotto tre cicli di QE tra il 2009 e il 2015, durante i quali l’S&P500 ha registrato un rally di oltre il 200 %. L’oro, un classico bene rifugio, è salito da 800 $ a 1,921 $ nei tre anni precedenti al 2011, per poi tornare a quota 1,050 $ entro dicembre 2015.

Dall’ultimo crollo finanziario del 2008, il QE ha aiutato la ricchezza privata globale a crescere di due terzi fino a 166 trilioni di dollari, secondo il Boston Consulting Group.Tuttavia, l’idea che spendere denaro nelle economie sviluppate porti all’iperinflazione – un’idea popolare tra alcuni sostenitori del bitcoin – è falsa, ha affermato Coppola.

“Non vi è assolutamente alcuna prova che il QE causi iperinflazione. Il modo in cui funziona il QE è spingere gli investitori verso asset a rendimento più elevato – e il bitcoin, pur essendo incredibilmente volatile, ha rendimenti più elevati. Quindi quello che ottieni effettivamente sono bolle di asset, incluso bitcoin”, ha detto.

Ipotesi: come reagiranno le criptovalute

Per contrastare la pandemia di coronavirus in corso, la Federal Reserve ha annunciato un programma che include l’acquisto di obbligazioni per un valore di 700 miliardi di dollari e la riduzione degli interessi sui depositi tra lo 0,0 e lo 0,25 %.

Simon Peters, analista di mercato presso eToro, ha convenuto che una volta che l’aumento dei casi COVID-19 al di fuori della Cina inizierà a decrescere, gli investitori guarderanno verso asset come bitcoin.

“Il possesso di denaro contante non è vantaggioso in queste circostanze perché la valuta è stata svalutata e si perde potere d’acquisto. Quindi dove si investe? Questo è potenzialmente il momento in cui, chi può permettersi di investire in bitcoin o altri cripto-asset, può effettivamente vedere il vantaggio.”

Intanto si pensa al taglio dei tassi

Intanto, sono diversi i fattori che potrebbero richiedere già nei prossimi mesi una revisione dei tassi di interesse da parte della FED. Il tutto è da ricondurre, come qualunque cosa in questo periodo, alla pandemia di coronavirus. Questa potrebbe raffreddare nuovamente i rapporti tra USA e Cina, rimettendo di nuovo in discussione le sorti di tutte l’economia mondiale, come già stiamo assistendo in queste settimane. 

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish