Hacker e truffatori hanno rubato 7,6 miliardi $ nel settore crypto dal 2011

Hacker e truffatori hanno rubato 7,6 miliardi $ nel settore crypto dal 2011 - hacker cryptocurrency 1024x683Secondo un nuovo rapporto della società di analisi blockchain Crystal Blockchain, dal 2011 sono stati rubati 7,6 miliardi di dollari di criptovalute. I furti sono avvenuti principalmente con due modalità tristemente prevedibili: hack e truffe.

Rafforzare i sistemi di sicurezza degli exchange

Il rapporto ha rilevato che 2,8 miliardi $ sono stati rubati a causa di violazioni della sicurezza, di cui il caso più diffuso è quello che coinvolge i sistemi di sicurezza di un exchange di criptovalute. In totale, l’azienda ha documentato 113 violazioni della sicurezza; la più grande di queste è stata la violazione di Coincheck nel 2018, che ha visto gli hacker scappare con oltre 535 milioni $ di monete NEM.

Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Cina e Corea del Sud hanno subito il maggior numero di violazioni della sicurezza degli exchange. I servizi di crittografia statunitensi sono stati presi di mira 13 volte, posizionandosi in cima alla lista.

Altri 4,8 miliardi di dollari sono stati rubati tramite truffe, con Crystal Blockchain che identifica 23 importanti schemi di frode. “Abbiamo considerato 7,6 miliardi $ come importo totale per tutti gli anni.

Fondamentalmente è una somma cumulativa degli ultimi 10 anni”, ha affermato Kyrylo Chykhradze, direttore del prodotto di Crystal Blockchain. In termini di valore rubato, la Cina è in testa al gruppo.

Il rapporto ha attribuito la sua classifica principalmente allo schema Ponzi PlusToken 2019 (2,9 miliardi $) insieme alla truffa WoToken 2020 (1 miliardo $) che era collegata a PlusToken qui le quotazioni in tempo reale. La maggior parte degli exchange cripto che sono stati violati avevano una sicurezza insufficiente e una verifica di basso livello per i prelievi, come solo un indirizzo e-mail o un numero di telefono.

Inoltre, mancava del tutto la sicurezza multi-signature. Chykhradze ha affermato che il motivo principale delle vulnerabilità nella tecnologia è che il settore continua a evolversi a un ritmo molto rapido e sempre più nuove aziende appaiono sul mercato con politiche di sicurezza interna inadeguate o superficiali.

Gli hacker sono sempre più sofisticati

La conclusione del rapporto non è incoraggiante. Il rapporto prevede che, considerando che i metodi utilizzati dagli hacker sono diventati sempre più sofisticati, gli attacchi continueranno a crescere di numero.

“Ma ciò che è veramente cambiato è il modo in cui i criminali riciclano i fondi rubati. Essi esaminano attentamente i servizi per comprendere le loro politiche [antiriciclaggio/KYC] nonché le politiche relative alle privacy coin nell’offerta del servizio”, ha affermato.

“I servizi con barriere più basse di KYC o per l’accettazione di privacy coin sono migliori opportunità per il riciclaggio. Questo è un altro punto critico da considerare nella sicurezza dei servizi cripto. Come possiamo rendere il riciclaggio di fondi rubati quasi impossibile per i criminali?”.

A conclusione del rapporto, Chykhradze ha affermato: “Possiamo presumere che il numero di attacchi e schemi continuerà a crescere con la crescita del settore blockchain e del mercato delle criptovalute, soprattutto con questa ultima corsa al rialzo di bitcoin che stiamo attualmente vivendo e l’afflusso di nuovi affari”.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianNorwegianPolishPortugueseRussianSpanishSwedish