I paesi europei lavorano a regolamenti più rigidi sulle stablecoin

I paesi europei lavorano a regolamenti più rigidi sulle stablecoin - https   www.ft .com   origami service image v2 images raw http3A2F2Fcom.ft .imagepublish.upp prod eu.s3.amazonawsDiversi paesi europei si sono uniti nella ricerca di normative che potrebbero avere un impatto notevole sulle stablecoin e le criptovalute garantite da asset nell’UE.

Stablecoin vietate fino all’approvazione di una normativa

Secondo il rapporto di Reuters, Germania, Francia, Italia, Spagna e Paesi Bassi hanno chiesto alla Commissione Europea di elaborare una regolamentazione rigorosa per le criptovalute garantite da asset come le stablecoin, allo scopo di proteggere i consumatori e preservare la sovranità dello stato nella politica monetaria.

I ministri delle finanze dei cinque Stati membri dell’Unione Europea hanno affermato in una dichiarazione congiunta che le operazioni con le stablecoin dovrebbero essere vietate nel blocco dei 27 Stati membri fino a quando non saranno state affrontate le sfide legali, normative e di supervisione.

Inoltre, l’assemblea ha sottolineato che i provider privati di stablecoin ​​dovranno aderire alla regolamentazione europea e non saranno autorizzati ad operare nell’UE se scendessero al di sotto di un certo standard.

Sebbene non sia menzionata esplicitamente, i ministri potrebbero essersi riferiti alla valuta Libra sostenuta da Facebook (azioni NASDAQ: FB). Sia il governo francese che quello tedesco hanno già detto di essere contrari a società private che lanciano valute che potrebbero sfidare l’euro.

La Commissione Europea dovrebbe presentare le sue proposte normative questo mese

“Siamo tutti d’accordo sul fatto che è nostro compito mantenere stabile il mercato finanziario e garantire che ciò che è un compito per gli Stati rimanga un compito per gli Stati”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz durante una dichiarazione congiunta con i suoi omologhi.

Le stablecoin sono un tipo di criptovaluta supportata da asset tradizionali. Esse sono entrate nell’agenda dei politici lo scorso anno quando Facebook ha pubblicato i piani per la sua valuta Libra.

Le banche centrali e le autorità di regolamentazione finanziaria di tutti i paesi hanno espresso preoccupazioni su come Libra possa destabilizzare la politica monetaria, facilitare il riciclaggio di denaro ed eludere i regolamenti sulla privacy.

Da allora, Libra Association ha ridisegnato il progetto e ha cambiato il suo white paper per soddisfare le autorità di regolamentazione. La Commissione Europea dovrebbe presentare le sue proposte normative alla fine di questo mese.

I paesi europei richiedono che le stablecoin abbiano un rapporto di 1:1 con la valuta fiat

I cinque paesi vogliono che tutte le stablecoin siano legate con un rapporto di 1: 1 alla valuta fiat, con una riserva di asset costituita in euro o altre valute degli Stati membri dell’UE e depositata in un’istituzione approvata dall’UE.

Tutti gli enti che operano come parte dello schema dietro ad una stablecoin dovrebbero essere registrati nell’UE, hanno affermato. Tali regolamenti avrebbero probabilmente un impatto anche sulla Libra Association con sede a Ginevra, che ha in programma di emettere e governare la sua stablecoin Libra.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha affermato di essere in attesa che la Commissione emetta regole molto forti e molto chiare per evitare l’uso improprio delle valute digitali per attività terroristiche o riciclaggio di denaro.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish