Il Kentucky vuole attirare i minatori di criptovaluta con agevolazioni fiscali

Il Kentucky vuole attirare i minatori di criptovaluta con agevolazioni fiscali - Kentucky mining bitcoinIl Kentucky sta cercando di attrarre i minatori di criptovaluta nello stato offrendo loro agevolazioni fiscali. Come? Due legislatori del Kentucky hanno esortato lo stato a offrire agevolazioni fiscali ai minatori di Bitcoin e criptovaluta, per sfruttare la regione americana che è ricca di risorse energetiche.

I rappresentanti dell’Assemblea generale Steven Rudy e Chris Freeland hanno proposto un disegno di legge la scorsa settimana, per esentare i minatori commerciali di criptovaluta dal pagamento di determinate tasse. I minatori sarebbero esentati dal pagamento delle tasse sulle vendite del 6% o delle accise del 6% sulle bollette elettriche e sulle attrezzature minerarie delle loro piattaforme.

Il Kentucky potrebbe diventare leader nel settore del mining?

I rappresentanti ritengono che il Kentucky potrebbe diventare un leader nazionale nel settore del mining di criptovalute grazie ai suoi tassi bassi sull’energia elettrica e all’abbondante fornitura che è disponibile nella regione statunitense. Pertanto, le agevolazioni fiscali aiuterebbero il Commonwealth del Kentucky a competere ulteriormente e ad emergere come leader di mercato nel settore delle criptovalute.

Secondo il disegno di legge, l’estrazione commerciale di criptovaluta “dovrebbe e deve essere tassata in modo simile alle forme storiche di produzione o lavorazione industriale, al fine di continuare a incoraggiare l’ubicazione e l’espansione di tali operazioni nel Commonwealth, piuttosto che in altri stati e allo stesso tempo competere per tali impres “.

Come ottenere lo stato di impianto di mining di criptovaluta

Per essere considerato un impianto di mining di criptovaluta, l’installazione deve avere una struttura di colocation. Secondo il disegno di legge, una struttura di colocation è una struttura industriale di non meno di duecentomila (200.000) piedi quadrati situata nel Commonwealth, che viene utilizzata èer l’estrazione commerciale di criptovaluta. Potrebbe anche essere utilizzato per “ospitare persone impegnate nell’estrazione commerciale di criptovaluta attraverso l’utilizzo dell’infrastruttura della struttura stessa, compresi server e hardware di rete alimentati da larghezza di banda Internet, elettricità e altri servizi generalmente richiesti per tali operazioni di mining”.

Pertanto, le agevolazioni fiscali si applicherebbero ai minatori che gestiscono strutture di colocation per operazioni di mining di criptovaluta. I legislatori repubblicani hanno presentato il disegno di legge di 13 pagine all’Assemblea generale l’8 gennaio e il comitato lo sta attualmente esaminando.

Le criptovalute e la tecnologia blockchain stanno ottenendo una rapida adozione da paesi e regioni a livello globale. A causa dell’uso massiccio di energia, le regioni con tariffe elettriche a basso costo sono diventate un focolaio per i minatori di criptovalute.

Ad oggi la Cina rimane il leader nel settore del mining di criptovalute. Ospita molti dei pool minerari più grandi del mondo, costituiti da grandi gruppi di miner che combinano le risorse e condividono la potenza di elaborazione.

Tuttavia, altri stati si stanno affacciando sulla scena mondiali, proprio come il Kentucky. E voi come estraete le vostre preziose monete? Oppure preferite semplicemente negoziarle con piattaforme come Bitcoin System? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicCroatianCzechDanishDutchEnglishEstonianFilipinoFinnishFrenchGermanGreekHungarianIndonesianItalianLatvianLithuanianMalayNorwegianPolishPortugueseRomanianRussianSerbianSlovakSlovenianSpanishSwedishThaiTurkishVietnamese