La crypto community indiana spinge per un sandbox normativo

La crypto community indiana spinge per un sandbox normativo - india cryptocurrencyNei sette mesi trascorsi da quando il tribunale supremo indiano ha consentito alle banche di fornire legalmente servizi che includessero prodotti cripto, gli utenti e i volumi di scambio negli exchange locali sono aumentati.

Ma i regolatori continuano ad essere reticenti sulle regole per il trading di criptovalute e per comprare Bitcoin. La confusione può essere dannosa per la crescita del mercato. Quindi, per introdurre maggiore chiarezza, alcuni utenti nella comunità cripto indiana stanno escogitando un modo per consentire alle piattaforme di rimanere attive ma in una parte circoscritta del mercato, sotto la supervisione dei regolatori, altrimenti noto come approccio sandbox.

Un sandbox per reagire alla confusione normativa del mercato cripto locale

Iniziato dall’exchange di criptovalute BuyUCoin, il sandbox propone un quadro normativo per portare le risorse cripto sotto i regolamenti esistenti, creando allo stesso tempo uno spazio supervisionato per lo sviluppo delle startup nel settore.

La proposta prevede anche lo sviluppo di un’interfaccia open source per tenere traccia delle transazioni cripto e gestire la conformità alle norme antiriciclaggio (AML) e know-your-customer (KYC).

L’interfaccia proposta metterebbe insieme le informazioni da exchange e fornitori e le incanalerebbe verso le autorità di regolamentazione e i consigli di governo tramite un’application programming interface o API.

La bozza della policy e del white paper API pubblicato il 10 ottobre traccia un parallelismo con gli approcci utilizzati dalla Financial Conduct Authority (FCA) nel Regno Unito e dalla Monetary Authority of Singapore (MAS).

Il documento rileva che anche se la banca centrale indiana dispone di sandbox operativi per i pagamenti al dettaglio e piattaforme fintech, le criptovalute sono state tenute fuori dal campo di gioco.

Le normative sono fondamentali per la crescita

La regolamentazione del settore cripto in India è stata un po’ altalenante. In un mercato alle prime armi nel 2018, la banca centrale, Reserve Bank of India, ha vietato alle banche di effettuare servizi che includessero prodotti cripto.

Dopo quasi due anni di restrizioni e procedimenti giudiziari prolungati, la Corte Suprema della nazione ha annullato la restrizione nel marzo di quest’anno. Shivam Thakral, CEO di BuyUCoin, ha affermato che l’idea di un sandbox è diventata rilevante dopo che il divieto della RBI è stato annullato.

Secondo Thakral, le normative sono fondamentali per il mercato cripto indiano per proteggere gli utenti dalle attività fraudolente. Rispetto al mercato internazionale, agli utenti indiani “manca ancora la sicurezza dei dati e la sicurezza del portafoglio personale”, ha affermato Thakral.

Il documento di BuyUCoin rileva inoltre che un quadro normativo lacunoso impedisce agli utenti di segnalare i guadagni cripto legittimi a fini fiscali e limita la protezione degli investitori, scoraggiando il flusso di denaro nel mercato.

Le normative proposte si propongono di affrontare questo problema coinvolgendo le banche nel processo di valutazione dei clienti, creando una sandbox supervisionata per le startup del settore e convincendo il governo a creare un organismo di regolamentazione dedicato per le risorse digitali.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianPolishPortugueseRussianSpanish