La FATF ha bisogno di un approccio completamente nuovo alla regolamentazione delle criptovalute, è emerso al vertice V20

La FATF ha bisogno di un approccio completamente nuovo alla regolamentazione delle criptovalute, è emerso al vertice V20 - Financial Action Task Force cryptoLa Financial Action Task Force (FATF) ha bisogno di un approccio completamente nuovo quando si tratta di controllare le criptovalute, secondo Sian Jones, la forza motrice dietro gran parte degli standard antiriciclaggio (AML) del settore fino ad oggi.

Agevolare i requisiti della travel rule

Parlando alla chiusura del secondo vertice annuale V20 Virtual Asset Service Providers Summit, Jones ha affermato che la FATF deve solo guardare al mondo in rapida evoluzione della finanza decentralizzata (DeFi) per vedere quanto incongruo stia diventando il sistema tradizionale di controllo delle transazioni creato mezzo secolo fa da SWIFT.

Come garante AML a livello globale, FATF ha raccomandato alle autorità di regolamentazione locali dei paesi del G-20 e non solo di cercare di innestare i cosiddetti requisiti della travel rule sulle risorse digitali, dove gli intermediari (virtual asset service provider, o VASP) devono condividere informazioni di identificazione personale degli utenti sulle transazioni cripto su piattaforme come Bitcoin Revolution.

Tuttavia, il fulcro della crittografia riguarda la rimozione degli intermediari, qualcosa che DeFi dimostra chiaramente, ha affermato Jones. Essa ha aggiunto che la FATF sembra aver compreso solo parzialmente il fatto che “la crittografia è nata dal desiderio di alcuni, non di aggirare l’autorità, infrangere la legge o facilitare il riciclaggio di denaro, ma piuttosto di rimuovere gli intermediari, per disintermediare la finanza tradizionale”.

Solo membri

Il secondo giorno del vertice V20, che era dedicato solo ai membri, è stato ascoltato da diversi rappresentanti di importanti piattaforme DeFi. “La FATF deve raddoppiare il suo impegno con tutti gli attori, inclusi gli sviluppatori di software DeFi e gli utenti che non fanno parte del mondo cripto industrializzato”, ha detto Jones.

“Allo stesso modo, l’industria deve collaborare più strettamente per parlare con un’unica voce ed accrescere il suo impegno con la FATF e le autorità di regolamentazione”. Jones ha poi suggerito che le riunioni per parlare con la FATF si verifichino più frequentemente, mensilmente anziché trimestralmente.

Attrito FATF

Malcolm Wright, capo dell’AML presso Global Digital Finance, ha evidenziato le aree in cui gli standard potrebbero aiutare a rimuovere i punti deboli, tra cui la condivisione delle directory e l’archiviazione dei dati dei clienti.

“Alcune soluzioni stanno lavorando su una directory o ricerca VASP”, ha detto Wright. “Un’altra potrebbe essere uno standard di sicurezza per l’archiviazione dei dati, ad esempio il modo in cui vengono protetti e tenuti separati. Inoltre, non dobbiamo trascurare la necessità di filtrare le informazioni per le sanzioni, anche se probabilmente non sarà necessario uno standard”.

Lasciando da parte i dettagli nell’universo VASP di FATF – che è abbastanza limitato al cosiddetto spazio “crypto industrializzato” – l’elefante nella stanza rimane ciò che accade con i portafogli privati ​​o non-hosted.

Questo è spesso visto dai regolatori come una sorta di vantaggio per le attività illecite ma, come affermato in precedenza, è un principio fondamentale della crittografia, oltre ad un modo necessario per evitare hack agli exchange regolarmente ricorrenti. “Nei prossimi anni ci sono tutta una serie di problemi da risolvere semplicemente enormi sui portafogli privati ​​non custoditi”, ha affermato Dave Jevans, CEO di CipherTrace.

Comments (No)

Leave a Reply

ArabicDutchEnglishFilipinoFrenchGermanItalianNorwegianPolishPortugueseRussianSpanishSwedish