La Russia valuta misure draconiane contro la crittografia illegale

La Russia valuta misure draconiane contro la crittografia illegale

La Russia valuta misure draconiane contro la crittografia illegale - russia newruleNuove dure regole per contrastare l’uso illegale dei beni digitali tramite con multe o carcere potrebbero presto diventare legge in Russia.

Pubblicate le bozze dei documenti

I nuovi progetti di legge che stabiliscono come la Russia ha intenzione di regolare il settore delle criptovalute sono stati inviati al parlamento del paese, la Duma di Stato, all’inizio di questa settimana.

Sebbene il sito web ufficiale dove vengono riportati gli aggiornamenti sulla legislazione prevista non presenta nessun nuovo avviso a riguardo, i due documenti sono stati pubblicati nel canale OrderCom Telegram e sono stati confermati come autentici da fonti di media russi RBK.

Secondo quanto riferito, le proposte legislative sono state scritte dal personale del think tank sull’economia digitale e dal business accelerator Skolkovo.

Un regolamento dettagliato per le criptovalute

Il primo progetto di legge regolerebbe le valute digitali in Russia. Nello specifico, vieta l’emissione e il funzionamento di valute digitali nella nazione. Anche la distribuzione di informazioni su tali asset sarebbe vietata.

Agli individui e alle società non sarebbe consentito accettare valute digitali come pagamento, salvo che fossero ereditate, distribuite ai debitori di una società fallita o confiscate a seguito di una decisione del tribunale. Le persone che possiedono criptovalute dovrebbero dichiararle all’agenzia fiscale, oltre a fornire informazioni su come è stata acquistata.

Multe salate e carcere per chi non rispetta la legge

La seconda bozza introdurrebbe un nuovo articolo nel codice penale introducendo sanzioni per operazioni illegali con risorse digitali. Se approvato, l’emissione di asset digitali in Russia non iscritti ad un un registro in fase di sviluppo presso la banca centrale del paese comporterebbe una multa alla società responsabile per un massimo di due milioni di rubli (una quotazione da quasi 28.000 $).

Lo stesso vale per le società che organizzano operazioni con risorse digitali e criptovalute senza approvazione, mentre i singoli individui individui dovrebbero affrontare una multa fino a 2,800 $.

L’acquisto di criptovalute in contanti o tramite bonifico bancario da una banca russa sarebbe soggetto a una multa fino a un milione di rubli russi (14.000 $) o fino a sette anni di carcere, a seconda delle dimensioni dell’accordo.

Punizioni simili potrebbero essere applicate anche a coloro che accettano criptovalute per beni e servizi. Se una simile attività generasse profitti “particolarmente grandi” o danni ingenti ai cittadini e allo stato, la nuova legge metterebbe le persone coinvolte dietro le sbarre per un massimo di sette anni, o addirittura in regime di lavoro forzato.

Facilitare gli acquisti di criptovalute, se tali operazioni in qualche modo “avessero causato un danno significativo” allo stato o agli individui o “un profitto particolarmente elevato” per l’operatore, potrebbero portare a cinque anni di carcere.

Le citazioni di un registro della banca centrale suggeriscono che i legislatori starebbero lasciando un margine di manovra ad alcune entità ufficialmente sanzionate per l’emissione e l’utilizzo di risorse digitali, mentre la maggior parte delle operazioni generali sarebbe vietata.

Secondo il rapporto RBK, Anatoly Aksakov, capo del Comitato Duma per i mercati finanziari, ha confermato l’autenticità dei documenti, ma ha affermato che non sono stati ultimati.

Comments (No)

Leave a Reply

DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish