La società che ha fatto causa a FTX e Ripple ora punta BitMEX

La società che ha fatto causa a FTX e Ripple ora punta BitMEX

La società che ha fatto causa a FTX e Ripple ora punta BitMEX - Bitmex suedBMA LLC, la società portoricana che due settimane fa ha intentato una causa nei confronti di Ripple, ha accusato l’exchange di derivati ​​BitMEX di aver orchestrato il più grande crimine finanziario nella storia americana.

Il caso BMA contro BitMEX

La società poco conosciuta, precedentemente nota come Bitcoin Manipulation Abatement e controllata da Pavel Pogodin, ha intentato causa presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti la settimana scorsa, sostenendo che HDR Global Trading, la società madre di BitMEX, ha perpetrato un vasto racket progettato per raccogliere miliardi di profitti illegali.

La cospirazione pianificata di BitMEX includeva frodi online, riciclaggio di denaro sporco, trasmissione di denaro senza licenza, trasporto interstatale di proprietà rubate e violazioni del Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act, o RICO, afferma l’accusa di BMA.

In una dichiarazione, un portavoce di HDR ha dichiarato che la società era a conoscenza del reclamo “che chiaramente ripropone delle informazioni raccolte da Internet”, e che si sarebbe difesa “vigorosamente contro questa falsa pretesa”.

La nota continua affermando che “BMA è recentemente emersa come un ordinatore seriale di richieste nei confronti di società che operano nello spazio delle criptovalute ed è ampiamente riconosciuta per operare proprio come un troll di brevetti”.

Exchange contro l’interesse dei clienti?

In risposta all’accusa, HDR ha dichiarato: “Tratteremo questo reclamo tramite un normale processo di contenzioso e siamo completamente fiduciosi che il tribunale vedrà il reclamo per quello che è.”

L’incapacità di BitMEX di ottenere una licenza per il trasferimento di denaro e i suoi legami con gli investitori statunitensi porta alla conclusione che ogni giorno siano stati elaborati 3 miliardi $ in finanziamenti illeciti, sostiene BMA, “che è il volume record di tale attività illecita nell’intera storia del regolamento monetario negli Stati Uniti.”

BMA sostiene inoltre che BitMEX abbia manipolato i mercati delle criptovalute aumentando artificialmente il prezzo del bitcoin. L’exchange, che presumibilmente operava contro l’interesse dei clienti, ha legato i suoi indici di futures a scambi su un mercato illiquido che avrebbe poi manipolato e capitalizzato sulla base di schemi con finti “problemi tecnici” che hanno impedito ai clienti di uscire dalle loro posizioni.

Il “P.T. Barnum della criptovaluta”

Il querelante ha sparato contro le opzioni di trading con leva a 100x di BitMEX e ha affermato che il fondatore Arthur Hayes è il “P.T. Barnum della criptovaluta.”  La società ha detto “Descrivendo il trading di criptovaluta come “attività di intrattenimento”, [Hayes] ha assunto il ruolo di showman e promotore per quei giocatori degenerati che sollecita, e incoraggia al trading speculativo ostentando il suo stile di vita sontuoso e facendo previsioni audaci progettate per ottenere risposte e muoversi nel mercato in modo redditizio per BitMEX”.

BMA e Pogodin hanno già inseguito altri headliner di criptovaluta. A novembre la BMA ha preso di mira FTX con l’accusa di manipolazione dei prezzi prima di archiviare volontariamente il suo caso poco più di un mese dopo. All’inizio di maggio, BMA ha avviato un procedimento contro Brad Garlinghouse e Ripple Labs per una presunta violazione di 1,1 miliardi $ della legge sui titoli degli Stati Uniti nella sua vendita di token XRP.

Comments (No)

Leave a Reply

DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish