Le Seychelles esaminano i pro e i contro delle piattaforme di trading di criptovalute in licenza

Le Seychelles esaminano i pro e i contro delle piattaforme di trading di criptovalute in licenza - seychelles quando andare e cosa vedereSecondo quanto riferito, l’Autorità per i servizi finanziari (FSA) delle Seychelles, insieme al ministero delle finanze del paese, sta lavorando a una politica per vietare o autorizzare le piattaforme di trading di criptovalute come imprese internazionali registrate.

Aumento delle indagini internazionali sulle piattaforme crittografiche

Secondo un rapporto, la mossa della FSA avviene sullo sfondo di un numero crescente di indagini internazionali sulle piattaforme di trading di criptovalute truffa che sono state rintracciate nella nazione insulare. Come riportato di recente, la truffa bitcoin Onecoin è diventata l’ultima entità crittografica straniera ad essere oggetto di tale indagine. Questo dopo che è stata presentata una richiesta di indagine alle forze dell’ordine del paese.

Se volete utilizzare piattaforme sicure per acquistare e vendere criptovalute, potete farlo su Bitcoin System, che negli anni ha saputo dimostrare di essere affidabile ed efficace.

Nel frattempo, nello stesso rapporto, Randolf Samson, che dirige la sezione antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo della FSA, viene citato spiegando la logica alla base della mossa del regolatore. Egli ha detto: “Ci sono molte società incorporate che stanno facilitando quell’attività. Il motivo per cui stanno usando le Seychelles è perché non abbiamo un quadro che altrimenti le scoraggerebbe. La criptovaluta si è sviluppata abbastanza velocemente ma le leggi di molti paesi non sono aggiornate con questo tipo di attività”.

Tuttavia, Samson insiste sul fatto che “è necessario effettuare una valutazione del rischio per esaminare i pro ei contro” prima di prendere qualsiasi decisione finale. Pertanto, se l’esito della cosiddetta valutazione del rischio indica potenziali benefici per le Seychelles, allora tali società commerciali saranno autorizzate, ha spiegato Samson.

D’altra parte, se l’incorporazione o la licenza di piattaforme di trading di criptovaluta “porta troppi rischi e cattiva reputazione, vieteremo semplicemente l’attività”.

La crescente popolarità delle criptovalute

Tuttavia, Samson ammette che una decisione che comporti il ​​divieto del commercio di criptovalute alle Seychelles potrebbe rivelarsi impopolare. Ha aggiunto: “Il problema con la criptovaluta, il modo in cui stanno andando le cose, dovrai prendere una posizione in quanto è popolare tra un numero crescente di persone e altri paesi stanno prendendo opzioni per regolamentare questa attività”.

Tuttavia, se viene adottata la politica di concedere in licenza le attività di trading di criptovalute, le Seychelles saranno costrette ad assumersi la responsabilità di garantire che individui e aziende non siano coinvolti in attività illecite. In ogni caso, una tale politica “metterà anche le Seychelles in linea con i recenti emendamenti del Financial Action Task Force (FATF) apportati nel giugno 2020”, conclude il rapporto.

Le Seychelles dovrebbero concedere in licenza piattaforme di trading di criptovalute che non sono basate sull’isola? Diteci che cosa ne pensate nella sezione dei commenti qui sotto.

Comments (No)

Leave a Reply