Uno dei maggiori consiglieri della Casa Bianca possiede milioni in Bitcoin e Filecoin

Uno dei maggiori consiglieri della Casa Bianca possiede milioni in Bitcoin e Filecoin - im 307873La precedente amministrazione statunitense è stata accusata di essere stata ostile alle criptovalute. Per questo motivo, la maggior parte degli appassionati di Bitcoin è diventata rialzista dopo il giuramento dell’amministrazione Biden, con l’aspettativa che avrebbe avuto un debole per le valute digitali.

Una cifra importante in termini di valute digitali

Sebbene il governo stia osservando le criptovalute attraverso diverse revisioni e dibattiti, è stato rivelato che Tim Wu, un importante consulente tecnologico ed esperto di antitrust alla Casa Bianca, possiede una parte significativa del suo patrimonio netto in Bitcoin e Filecoin. È stato nominato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden assistente speciale per la tecnologia e la politica della concorrenza presso il Consiglio economico nazionale. Prima di allora, insegnava alla Columbia Law School.

Secondo una dichiarazione finanziaria personale presentata da Wu, il consigliere possiede tra 1 milione e 5 milioni di dollari in Bitcoin. Questo stabilisce il suo forte interesse per le criptovalute. Non solo, ha anche tra 100,001 e 250.000 dollari in FIL. FIL è la risorsa nativa della piattaforma di archiviazione digitale e recupero dati, Filecoin.

Fonti private hanno rivelato che Wu si è ricusato da qualsiasi discussione relativa a Bitcoin o criptovaluta a causa del suo interesse finanziario nello spazio crittografico. Wu è noto per la sua posizione contro il potere monopolistico posseduto dalle società Big Tech. È anche noto per aver coniato la parola “net neutrality” (neutralità della rete) nel 2002.

L’interesse di Wu per il Bitcoin

Wu ha sempre riconosciuto la debolezza del Bitcoin. Tuttavia, ha visto la risorsa come eccezionale. Secondo un articolo pubblicato nel 2017, ha affermato che il Bitcoin è una bolla, ma la sua bolla ha un significato proprio come tutte le bolle hanno forme diverse.

Alcuni sono nulla luccicanti, che riflettono poco più di uno schema piramidale sottostante. Ma altri sono come le onde dell’oceano che potrebbero diventare onde enormi. Considera i titoli tecnologici della fine degli anni ’90: una bolla, certo, ma in retrospettiva, Amazon è stata sopravvalutata?

Nonostante l’interesse del consulente per le criptovalute, i funzionari della sicurezza informatica dell’amministrazione Biden hanno espresso preoccupazione per lo sfruttamento del bene da parte di malintenzionati. 

Carol House, direttrice della sicurezza informatica e dell’innovazione digitale sicura presso il Consiglio di sicurezza nazionale, ha sottolineato il ruolo delle criptovalute negli attacchi ransomware e nel finanziamento del terrorismo. Molti sviluppatori nello spazio hanno creato i sistemi senza creare i tipi di protezione necessari per obblighi di lunga data.

È il momento di saltare sul carrozzone?

Dopo i recenti cali, le criptovalute potrebbero tornare a salire grazie anche al fatto che alcune nazioni, leggi El Salvador, stanno approvando il bitcoin come valuta di corso legale. Questo significa che le criptovalute, a partire dalla più importante al mondo, potrebbero assistere nei prossimi mesi a nuovi record di prezzi. Pertanto la risposta alla nostra domanda è sì, questo potrebbe essere davvero il momento migliore per investire in criptovalute, dato che i prezzi sono bassi.

Comments (No)

Leave a Reply